Lettere – Azione: Il Comune di Lodi aderisca alla lotta contro la Tampon Tax

Lodi in Azione invita il Comune di Lodi ad aderire alla lotta contro la “Tampon Tax” e quindi ad abolire l’IVA sugli assorbenti femminili. E’ un provvedimento già attuato in diversi Comuni italiani, come Firenze e Carpi, che hanno abolito la Tampon Tax nelle farmacie comunali prevedendo il rimborso dell’IVA a carico del Comune.

Attualmente l’IVA applicata a questi prodotti è del 22%, ossia la tassazione prevista per i beni non di prima necessità. Ma il ciclo non è un lusso e nemmeno una scelta.

L’obiettivo di attuare un simile intervento a livello locale è quello di sollecitare il Parlamento ad approvare la riduzione dell’IVA dal 22% al 4%.

Il senatore di Azione Matteo Richetti ha infatti presentato un Ddl contro la tampon tax, prevedendo tre misure: detassazione, credito annuo erogato sulla tessera sanitaria e distribuzione gratuita nelle scuole.

Invitiamo la Giunta comunale a non soffermarsi sul colore politico del proponente, ma ad impegnarsi significativamente per l’equità di genere e mandare un messaggio al Parlamento, così come stanno facendo altri Comuni italiani.

Susanna Asiotti
Coordinatrice Lodi in Azione

Lodinotizie in
collaborazione con: