Qualità artigiana. Consiglio Regionale approva nuova Legge

Lodi notizie

Milano, 20 aprile. Approvato oggi dal Consiglio Regionale Lombardo il Progetto di Legge che introduce il riconoscimento “Qualità artigiana”. Un riconoscimento attribuito alle imprese dell’artigianato lombardo che operano garantendo la qualità dei prodotti. “Sul territorio lombardo – spiega il consigliere Selene Pravettoni, firmataria del provvedimento– sono presenti oltre 240mila imprese artigiane e sono oltre 71mila quelle operanti nei settori previsti dalla presente proposta di legge, cioè quello alimentare, manifatturiero e artistico. Nel lodigiano le imprese artigiane sono 5.120.

Grazie a questi numeri, il settore artigiano di Regione Lombardia risulta essere la realtà più articolata rispetto a qualsiasi altra esperienza del territorio nazionale.

La maestria artigianale lombarda è riconosciuta internazionalmente ed è un patrimonio immateriale della nostra Regione da tutelare e sostenere. Questo riconoscimento – prosegue Pravettoni– intende quindi sia valorizzare le eccellenze della nostra regione, sia accrescere il valore del brand regionale, avviando un circolo virtuoso tra imprese artigiane e Regione Lombardia. Inoltre, fornisce ai cittadini uno strumento utile per l’individuazione dei migliori prodotti regionali.  Tutto questo, considerando come principio fondamentale quello del lavoro artigiano svolto “a regola d’arte”, tramite una produzione aziendale di elevata qualità, in considerazione anche della tipologia e della qualità delle materie prime e dei processi di lavorazione, della qualità e peculiarità dei prodotti e della sostenibilità ambientale”.

“Il riconoscimento può essere attribuito sia al singolo prodotto artigiano che all’impresa artigiana, ha una durata temporale rinnovabile di 6 anni, al fine di garantire il costante impegno da parte dell’impresa a mantenere gli standard di eccellenza necessari e il monitoraggio da parte della Regione sull’effettivo valore del riconoscimento stesso.”.

“I criteri e i parametri per l’individuazione della “qualità artigiana” saranno sviluppati con la collaborazione delle Camere di Commercio e le associazioni di categoria maggiormente rappresentative a livello regionale, per rendere quanto più condiviso e partecipato tale progetto”.

“La legge, infine, prevede che la Regione promuova iniziative e interventi a favore delle imprese artigiane destinatarie del provvedimento. In particolare, per la trasmissione dell’attività di impresa artigiana tra generazioni, dell’associazionismo e della promozione della cultura d’impresa artigiana lombarda, per il consolidamento della competitività e posizionamento sul mercato delle imprese artigiane anche attraverso l’utilizzo dei canali di vendita elettronici, alla promozione e alla conservazione dei beni mobili e immobili destinati all’attività artigiana e alla conoscenza dei prodotti artigiani”.

Lodinotizie in
collaborazione con: