Lavori all’ospedale: emergenza all’Emergenza

Sta prendendo forma a Lodi il nuovo ingresso dell’ospedale Maggiore della città. Si tratta di ampia struttura ricavata nell’area destinata all’accoglienza di pazienti e parenti che consentirà di far fare al principale nosocomio lodigiano un nuovo salto di qualità, ponendo fine ad alcuni problemi emersi negli ultimi anni.

I lavori, finanziati dalla Regione Lombardia e dall’Azienda Ospedaliera provinciale, sono già a buon punto ma termineranno solo nel prossimo anno quando sarà ultimato il reparto di emergenza ed accoglienza e saranno attivi gli impianti e le apparecchiature necessarie per renderlo efficiente.

Col nuovo edificio, incastrato tra l’ex maternità e una delle ali dell’ospedale, si potrà finalmente mettere la parola ‘fine’ su due questioni che continuano a creare disagi tra i pazienti e gli utenti del nosocomio.

Nel fabbricato verrà, infatti, spostato il centro unico di prenotazione oggi situato al piano terra dell’ex dispensario di via Generale Massena.

Gli spazi liberati andranno a beneficio degli operatori e degli utenti del centro prelievi, costretti a i primi a lavorare in condizioni difficili, i secondi nella totale assenza di privacy.

Il nuovo complesso di viale Savoia consentirà anche di ricavare spazi adeguati per il Pronto Soccorso, nota dolente del Maggiore di Lodi. Basta una semplice influenza, con qualche accesso in più ai locali attualmente adibiti all’emergenza, per mandare in tilt l’intero reparto, con lunghe code che finiscono con il creare disagi e malcontento fra gli utenti. Questi problemi dovrebbero terminare col nuovo anno, non appena il reparto di emergenza ed accettazione sarà ultimato ed operativo.

Lodinotizie in
collaborazione con: