Caso piscine, l’ex sindaco Uggetti assolto in appello. “Il fatto non sussite”

Simone Uggetti, ex primo cittadino di Lodi del PD, imputato con altre tre persone nella vicenda per la gestione delle piscine del 2016, è stato assolto con formula piena in quanto “il fatto non sussiste”.  Lo ha sentenziato la Corte di Appello di Milano. L’ex sindaco era stato condannato nel 2018 in primo grado a 10 mesi per turbativa d’asta. Assolti anche l’avvocato Cristiano Marini, il dirigente comunale Giuseppe Demuro e l’imprenditore Luigi Pasquini. E’ stato inoltre revocato il diritto della Città di Lodi a fare causa agli imputati per risarcimento danni.

“Sono stato assolto perché il fatto non sussiste, grazie di tutto : alla mia famiglia, a mia moglie, a mio fratello ai miei avvocati Pietro Gabriele Roveda e Adriano Raffaelli. Dopo la verità emersa in primo grado ( il giudice pur condannandomi scrisse che agii nell’ interesse pubblico ) è arrivata la giustizia. Sono grato alla mia città dov’è tutti mi conoscono e sanno che ho sempre agito nell’interesse pubblico. Grazie ancora è stata durissima ma anche con il vostro aiuto sono riuscito a superare i tanti momenti bui. Un abbraccio a presto”. Queste le parole sul profilo social di Uggetti.

Lodinotizie in
collaborazione con: