Mairano e Galgagnano, due denunciati per spaccio

I carabinieri di Lodi Vecchio, particolarmente attenti al fenomeno dello spaccio di stupefacenti “nei campi”, attività delinquenziale tipica di soggetti di etnia marocchina, dopo un paio d’ore di appostamento hanno bloccato due acquirenti, entrambi di Caselle Lurani, di 57  e 51 anni, e lo spacciatore il 38enne marocchino S.A., abitante a Milano e irregolare sul territorio nazionale.

L’immediata perquisizione ha consentito di rinvenire addosso ai due italiani la classica “busta” di cocaina del peso di gr. 0,4 appena acquistata, mentre nella felpa indossata dallo straniero altri quattro grammi, 200 euro in banconote di piccolo taglio provento dell’attività di spaccio, un bilancino elettronico di precisione, materiale vario per il confezionamento e due telefoni cellulari Nokia. Lo straniero è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio, mentre i due italiani sono stati segnalati alla Prefettura di Lodi quali assuntori.    

Sempre in questi giorni i carabinieri della Sezione Radiomobile di Lodi, invece, hanno denunciato a piede libero la 39enne F.M., abitante a Dovera, trovata in possesso di 26 grammi di hashish e poco meno di un grammo di eroina.

La successiva perquisizione estesa all’abitazione di F.M. ha consentito si rinvenire altri 4 grammi di hashish. A bordo del suo veicolo sono stati identificati anche C.M., 49enne di Dovera e la 46enne lodigiana V.C.A., trovata in possesso di una modestissima quantità di eroina e segnalata alla Prefettura di Lodi quale assuntrice.

Come da prassi, lo stupefacente e il materiale sono stati posti in sequestro e trattenuti in carico.   

Lodinotizie in
collaborazione con: