Giovani dell’Idv a Brescia per la Rete Antimafia

Ancora una volta i Giovani IDV della Lomabardia si schierano al fianco della Rete Antimafia di Brescia.
Da mesi ormai la Rete, che i Giovani IDV di Brescia hanno contribuito a fondare, segue il processo che si sta svolgendo presso il Palazzo di Giustizia del capoluogo lombardo e che vede coinvolti, fra gli altri, i tre fratelli Fortugno.
Rocco, Marcello e Gaetano, membri dell’omonima famiglia affiliata alla cosca Piromalli-Molè di Gioia Tauro, sono ormai da decenni protagonisti delle cronache italiane e sono stati coinvolti in una serie di indagini riguardanti l’infiltrazione mafiosa del Lago di Garda.
Il presidio della Rete è servito ad accendere i riflettori su un processo che i media locali avevano deciso di snobbare, e questa inattesa attenzione rivolta nei loro confronti ha fatto molto innervosire i fratelli Fortugno, che hanno manifestato insofferenza in più occasioni. Recentemente però sono passati alle maniere forti (uno dei ragazzi è stato fermato ed esplicitamente minacciato da Gaetano Fortugno subito dopo l’ultima udienza) e se questo è un chiaro segnale che i presidi funzionano, contemporaneamente è un campanello d’allarme che non bisogna assolutamente sottovalutare: stanno reagendo, e bisogna essere pronti a rispondere.
Per tale motivo abbiamo deciso di tornare a Brescia a dare sostegno al presidio della Rete, che ci ha chiesto di intervenire (in allegato il loro appello) per dimostrare in maniera forte che nessuno di noi è disposto a cedere alle angherie di queste persone!
Questa mattina in contemporanea con l’ultima udienza del processo, i Giovani IDV della Lombardia saranno a Brescia, in via Lattanzio Gambara n. 40, di fronte al Palazzo di Giustizia, per manifestare la loro solidarietà ai ragazzi della Rete e per testimoniare la voglia dei giovani lombardi di opporsi con forza alla criminalità organizzata.
Sarà con noi il Consigliere Regionale, nonchè autore ed attore antimafia, il lodigiano Giulio Cavalli, che ha promesso nuove inedite rivelazioni sulle attività dei Fortugno.

 

Lodinotizie in
collaborazione con: