By Published On: 4 Giugno 2015Categories: Politica

«Da Regione Lombardia la prima vera legge antimafia»

Si sono riunite in seduta congiunta al Pirellone la Commissione regionale antimafia e la Commissione affari istituzionali con all’ordine del giorno il progetto di legge contro la criminalità organizzata di stampo mafioso. “Stiamo per licenziare la prima vera legge antimafia di Regione Lombardia – spiega il consigliere Pietro Foroni, vice presidente della Commissione antimafia – Un legge che approderà per la votazione finale in Consiglio regionale nella seduta del prossimo 16 giugno, dopo l’ultimo passaggio in Commissione previsto per lunedì prossimo. Si è trattato di un lavoro impegnativo che ha catalizzato la nostra attenzione per costruire basi concrete atte a combattere la criminalità organizzata e l’associazionismo di stampo mafioso, sia nei rapporti interni alla Regione che per le commissioni aggiudicatrici. Una delle novità più rilevanti riguarda la creazione di un software che permetterà un controllo capillare in tutti gli Enti locali sugli status degli appalti e dei sub-appalti che sarà realizzato dal Comitato tecnico di controllo. Le nuove norme introdurranno una maggiore integrazione tra le forze dell’ordine e le polizie locali che andrà ad integrarsi alla quantità di nuove informazioni che si renderanno disponibili. Di particolare importanza è il nuovo approccio che si è voluto dare sull’educazione alla legalità, il cui principio cardine deve essere la prevenzione che deve iniziare dalla formazione scolastica a tutti i livelli. La cultura della legalità deve sapersi radicare nelle istituzioni scolastiche diventando un baluardo fondamentale per sconfiggere l’associazionismo mafioso e ogni altra forma di criminalità organizzata. Nelle prossime settimane – conclude Foroni – metteremo finalmente in campo nuovi strumenti che potranno rilevarsi immediatamente utili a sconfiggere i diversi fenomeni criminali presenti anche nella nostra Regione”.


SCOPRI QUI le migliori offerte della tua città!

Lodinotizie in
collaborazione con: