By Published On: 1 Marzo 2011Categories: Attualità

Parco Adda Sud, forti perplessità sulla nuova legge regionale

“Siamo fortemente perplessi sulla nuova legge regionale che ridisegna i consorzi di gestione dei parchi naturali”: lo ha ribadito ieri sera, a Lodi, Silverio Gori nel corso dell’assemblea del Parco Adda Sud. Nella sede dell’ente pubblic0 in viale Dalmazia il presidente del Parco, che interessa le province di Cremona e di Lodi, ha espresso tutte le sue preoccupazioni – condivise dai presenti – nei confronti di una normativa che accentra le decisioni a livello regionale esautorando gli enti locali. “Continuano a diminuire anche i trasferimenti di risorse dal Pirellone al Parco, col rischio di bloccare le attività previste nei prossimi mesi” ha rincarato la dose Gori prima di lasciare la parola ai tecnici incaricati di presentare la ‘Variante generale al Piano Territoriale Comprensoriale’, messa a punto in questi anni. Si tratta dello strumento urbanistico che pone vincoli precisi all’utilizzo dei terreni che si snodano lungo il corso meridionale dell’Adda, da Rivolta a Castelnuovo. E’ dal 2003 che si sta lavorando alla stesura della variante, un progetto arenatosi nel 2005 per riprendere, poi, il suo cammino nel 2008 col nuovo direttivo guidato da Gori. Ora il piano è stato adottato ufficialmente dal consorzio lodigiano- cremonese.o in viale Dalmazia il presidente del Parco, che interessa le province di Cremona e di Lodi, ha espresso tutte le sue preoccupazioni – condivise dai presenti – nei confronti di una normativa che accentra le decisioni a livello regionale esautorando gli enti locali. “Continuano a diminuire anche i trasferimenti di risorse dal Pirellone al Parco, col rischio di bloccare le attività previste nei prossimi mesi” ha rincarato la dose Gori prima di lasciare la parola ai tecnici incaricati di presentare la ‘Variante generale al Piano Territoriale Comprensoriale’, messa a punto in questi anni. Si tratta dello strumento urbanistico che pone vincoli precisi all’utilizzo dei terreni che si snodano lungo il corso meridionale dell’Adda, da Rivolta a Castelnuovo. E’ dal 2003 che si sta lavorando alla stesura della variante, un progetto arenatosi nel 2005 per riprendere, poi, il suo cammino nel 2008 col nuovo direttivo guidato da Gori. Ora il piano è stato adottato ufficialmente dal consorzio lodigiano- cremonese.

L’assessore regionale all’ambiente, Colucci, farà tappa anche a Lodi per confrontarsi con i rappresentanti del consorzio Parco Adda Sud. Venerdì 11 marzo l’assessore si incontrerà con il presidente del Parco, Silverio Gori, incaricato di illustrare al rappresentante del Pirellone le attività svolte dall’ente pubblico lodigiano/cremonese nel settore della tutela dell’ambiente lungo il corso meridionale dell’Adda. Sarà l’occasione per far presente a Colucci le perplessità degli enti locali sulla nuova legge regionale che dovrebbe regolare le attività dei parchi. Le critiche riguardano in modo specifico la gestione degli attuali consorzi, chiamati a diventare non meglio precisati ‘enti di diritto pubblico’, diretti da funzionari scelti dalla Regione tra i manager a disposizione in appositi elenchi. Sarebbero ridotte in maniera significativa le responsabilità di Comuni e Province.

Lodinotizie in
collaborazione con: