Attualità

Zelo. Non uno ma due baby sindaci e questa volta la vittoria è tutta rosa, di Madiana Tematio

baby-sindaco-zelo-2

Non uno ma due baby sindaci e questa volta la vittoria è tutta rosa, di Madiana Tematio. Popolo che non si accontenta quello degli zelaschi, tanto che mercoledì mattina, nella sala consiliare del Palazzo si è svolta la seconda manche delle elezioni del baby sindaco (iniziativa che fa parte del progetto ideato da Amministrazione e scuola “Un giorno in Comune”), fra 5C e 5B, dove a trionfare è stata Madiana Tematio, con la lista “Per un futuro migliore, saremo uniti col corpo e col cuore”. Come durante le elezioni delle altre sezioni, i piccoli alunni sono arrivati muniti di tessera elettorale, carta d’identità, slogan e programma per migliorare il paese. Ancora una volta gli studenti si sono dimostrati coscienziosi e capaci, brillanti e determinati. Ennesima conferma del fatto che le nuove leve avranno successo. Concorrente di Tematio, Lorenzo Danini che ha perso di una manciata di punti.

«I ragazzi hanno presentato i loro programmi che contenevano proposte molto interessanti – ha spiegato il consigliere con deleghe alla Scuola Barbara Barbati – Si spaziava da giornate ecologiche con pulizie nei parchi ma anche attenzione alla cultura e alla ludopatia, tanto che hanno chiesto anche l’eliminazione delle slot machine, più un aumento di ore dedicate al volontariato».

Dopo la propaganda via alle votazioni dove Tematio ha trionfato sull’avversario e ha potuto indossare la fascia tricolore e nominare il Consiglio, con tanto di minoranze. Poi stretta di mano con il vero sindaco Angelo Madonini e foto di rito fra l’entusiasmo generale di genitori, insegnanti e componenti dell’Amministrazione. «Un ringraziamento sentito alle mamme Patrizia e Rossella per l’organizzazione – ha concluso la Barbati – alla preside, alle insegnanti e ovviamente ai ragazzi». Felicissimo Madonini: «L’elemento che più ritengo rilevante di questo iniziativa è che i ragazzi dimostrano di avere vedute e mentalità più aperte e costruttive rispetto agli adulti». Insomma, ennesimo esempio che a Zelo si cresce bene, per davvero.


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);