Home Attualità Valori immobiliari stabili a Lodi nella prima parte del 2017

Valori immobiliari stabili a Lodi nella prima parte del 2017

100
0

Quotazioni stabili nell’area di corso Mazzini nella prima parte dell’anno. Si registra un risveglio del mercato, confermato dalle compravendite in aumento e dalla riduzione delle tempistiche di vendita. La domanda proviene generalmente da famiglie in cerca della prima casa, si registra inoltre un ritorno all’acquisto da parte di giovani coppie spesso aiutate dai genitori. Questo ha determinato anche un aumento della domanda di bilocali che, negli anni scorsi, aveva registrato una diminuzione di richieste. Stentano a ripartire gli investitori: buona parte di questi, soprattutto quelli più anziani preferiscono vendere la seconda casa a causa delle alte spese di mantenimento dell’immobile, aumentando così l’offerta sul mercato. Le coppie al primo acquisto si orientano prevalentemente su bilocali dal valore di 80-90 mila €, mentre le famiglie comprano soprattutto trilocali. Tengono sostanzialmente il valore gli immobili delle zone centrali acquistati prevalentemente da coloro che già ci vivono e che ne conoscono pregi e difetti (assenza di balconi, ascensore e parcheggio). Via Marsala, via Garibaldi, corso Archinti e corso Roma sono le zone più ambite anche per la vicinanza alla stazione: un immobile ristrutturato si vende a prezzi medi di 3000 € al mq. Nel centro storico sono in corso lavori di recupero e ristrutturazione su vecchie abitazioni che si valutano mediamente 3000 € al mq. La “Città Bassa” è caratterizzata da case di ringhiera ristrutturate, che presentano quotazioni comprese tra 1500 e 2000 € al mq. Piacciono molto anche corso Mazzini, viale Italia e viale delle Rimembranze aree commerciali a ridosso del Centro storico valutate 1300-1400 € al mq. Altro quartiere che incontra il favore dei potenziali acquirenti per la presenza di servizi ed aree verdi è quello di San Bernardo dove, per un buon usato, si spendono mediamente 1200-1300 € al mq. Interesse anche per Albarola, zona residenziale sorta a cavallo degli anni ’80-’90, nella parte periferica della città ma comunque ben servita: un appartamento recente in palazzina costa 1500-1700 € al mq, una villetta circa 350 mila €. Attivo il mercato delle locazioni, le richieste provengono soprattutto da single, giovani coppie oppure da famiglie che non riescono ad acquistare oltre che da lavoratori fuori sede. Il canone di un bilocale in Centro si attesta su 500 € al mese, mentre nelle aree più decentrate si scende a 400-450 € al mese.

Prezzi immobiliari invariati in zona Stazione nella prima parte del 2017. Il mercato conferma i segnali di vivacità che erano emersi l’anno precedente ed i potenziali acquirenti si avvicinano con maggior fiducia all’acquisto. Si rilevano ancora valori al ribasso per le soluzioni immobiliari che presentano scarso livello qualitativo: assenza di ascensore, necessità di importanti lavori di ristrutturazione interni e sulle parti comuni. La maggior parte delle compravendite riguarda la prima casa ed, in parte minore, l’acquisto migliorativo, mentre sono pochi coloro che comprano per mettere a reddito. Le richieste si orientano prevalentemente sul trilocale su cui investire un capitale medio di 140-150 mila €. Tra chi acquista in zona Stazione si annoverano anche pendolari. L’offerta immobiliare della zona include palazzi degli anni ’70 dove un buon usato costa circa 1600 € al mq, mentre una soluzione nuova si valuta 2300-2400 € al mq. Non lontano sorge il quartiere Pratello che ha prezzi più contenuti: 1500 € al mq per tipologie immobiliari simili. Abitazioni costruite negli anni ’50 sono disponibili in zona Fanfani: si devono mettere in conto valori medi di 1000 € al mq. Mercato più difficile a Torretta e San Grato, dove sono presenti soluzioni indipendenti e a schiera (soprattutto a Torretta) che si valutano mediamente 1400 € al mq. A San Grato ci sono inoltre appartamenti in condominio, che possono toccare al massimo 1500-1600 € al mq se inseriti in contesti recenti.