Domani, martedì 19 febbraio, saranno attivate le misure temporanee di primo livello nelle province di Cremona, Lodi, Milano, Monza e Brianza, Pavia e Varese (comuni con più di 30 mila abitanti, oltre a quelli aderenti su base volontaria). La decisione è stata presa alla luce del superamento dei valori di PM10 per 4 giorni consecutivi e in relazione alle previsioni meteo di oggi e per i prossimi giorni.

SITUAZIONE METEO – Le previsioni meteo per i prossimi giorni (stabili, con presenza alta pressione e inversioni termiche e assenza di precipitazioni) segnalano una situazione favorevole all’accumulo degli inquinanti almeno fino a giovedì. Da domani pertanto scatteranno le misure temporanee di primo livello nei Comuni aderenti al protocollo nelle 6 province.

AMBITI – Le misure temporanee riguardano il settore traffico (limitazioni per i veicoli fino a euro 4 diesel in ambito urbano, obbligo spegnimento motori in sosta), il settore riscaldamento domestico (limitazione all’uso di generatori a biomassa legnosa di classe inferiore alle 3 stelle, riduzione di 1 grado delle temperature nelle abitazioni) e agricolo (divieto di spandimento liquami zootecnici, divieto assoluto di combustioni all’aperto).

RILEVAZIONE QUOTIDIANA – Come previsto dalla delibera regionale, giovedì sarà il prossimo giorno di controllo, pur mantenendo la possibilità disattivare le misure preventivamente in caso di rientro nei limiti.