Cronaca

Salerano, professionista dello spaccio da anni: arrestato 38enne marocchino

 

Ieri pomeriggio i Carabinieri di Lodi Vecchio, unitamente ai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lodi, a conclusione di un mirato servizio di osservazione, hanno arrestato Z.A. 38enne marocchino, residente a Salerano sul Lambro, coniugato, con precedenti di polizia, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Lodi, in quanto responsabile di spaccio continuato di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento cautelare fa seguito ad una prolungata attività investigativa con servizi di osservazione e pedinamento, che ha consentito di individuare circa trenta tossicodipendenti, acquirenti abituali di cocaina ed hashish dall’arrestato, i quali sono stati sentiti nel merito, permettendo di raccogliere altri inconfutabili elementi, avvalorati proprio dalle concordi dichiarazioni testimoniali e dalla conseguente positiva individuazione fotografica.

L’indagine ha permesso di ottenere numerosi riscontri che hanno evidenziato in maniera grave, univoca e consolidata l’attività di spacciatore condotta da moltissimi anni ad opera del 38enne, accertando con prove certe che eserciti tale illecita attività da tanti anni, ma almeno dal 2016 con profitti di diverse migliaia di euro a settimana, procedendo nell’illecito commercio anche dopo essere stato colto nella flagranza della cessione e preparazione di dosi rispettivamente a marzo e a dicembre del 2017.

Il quadro che è emerso è che il marocchino, sebbene in maniera semplice e sempre uguale, svolgeva professionalmente l’attività di spacciatore, fornendo ai vari clienti, che lo contattavano anche da fuori provincia, diversi tipi di stupefacente. Una volta ricevuta la richiesta, quasi sempre cocaina, l’arrestato indicava il luogo della consegna, che avveniva in posti diversi e prevalentemente a Caselle Lurani o in comuni limitrofi.

L’arrestato aveva iniziato a nascondere e confezionare lo stupefacente presso l’abitazione di terze persone insospettabili, come dimostrato nel dicembre 2017, quando è stato denunciato insieme ad altri due italiani 50enni di Caselle Lurani per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

In particolare i Carabinieri, durante una perquisizione, a conclusione dell’ennesimo servizio di pedinamento avevano sorpreso a casa dei 50enni, i tre intenti a confezionare dosi di cocaina attorno ad un tavolo.

Ieri la sua attività si è conclusa con l’accompagnamento in carcere, dopo essere stato individuato e bloccato nei pressi della sua abitazione.


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);