Home Attualità Ambiente e Natura Rigenerazione urbana. Foroni: «Sarà più conveniente recuperare che costruire ex novo»

Rigenerazione urbana. Foroni: «Sarà più conveniente recuperare che costruire ex novo»

701
0

Facilitare e rendere piu’ convenienti gli interventi di rigenerazione urbana nelle aree dismesse e di recupero edilizio degli edifici, a completamento della strategia regionale per la riduzione del consumo di suolo.

E’ questo l’obiettivo della delibera approvata oggi dalla Giunta lombarda su proposta del presidente Attilio Fontana, di concerto con l’assessore al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni che da’ il via libera al progetto di legge che il Consiglio regionale dovra’ discutere e approvare in via definitiva.

PATRIMONIO SE VALORIZZATO E’ LEVA IMPORTANTE – “Questa normativa – ha commentato l’assessore Foroni – si propone di avere un effetto shock sullo sviluppo urbanistico, segnando una linea di demarcazione e avendo un impatto immediato. Dal giorno dopo l’entrata in vigore della legge, recuperare l’esistente diventera’ piu’ vantaggioso che costruire ex novo. Snellimento burocratico e procedure semplificate permetteranno di procedere piu’ velocemente. Il patrimonio immobiliare puo’ essere una leva per il territorio se sapremo valorizzarlo, rispondendo ai bisogni reali delle persone che lo abitano”.

OBIETTIVI E AZIONI PREVISTE – La delibera che proseguira’ il suo iter in Consiglio regionale nelle prossime settimane prevede di individuare misure di incentivazione come riduzione di oneri o bonus volumetrici, per rendere piu’ convenienti i progetti di rigenerazione urbana e di recupero del patrimonio edilizio; definire semplificazione procedurali per rendere piu’ veloci i processi (procedura speditiva per individuare gli ambiti di rigenerazione, per recuperare immobili dismessi, per i cambi d’uso, normativa sugli usi temporanei); oltre al riallineamento alla normativa edilizia statale con deroghe alle norme edilizie (distanze, altezze) per facilitare gli interventi di rigenerazione urbana e recupero del costruito e a premialita’ nei finanziamenti regionali per gli interventi.

Sono infine stati previsti l’istituzione di un fondo per finanziare interventi di rigenerazione e studi e fattibilita’ e strumenti finanziari innovativi per il partenariato pubblico privato.