Home Attualità Agricoltura Provincia, Camera di Commercio e Parco Tecnologico alleati per l’agricoltura: “progetto agro”...

Provincia, Camera di Commercio e Parco Tecnologico alleati per l’agricoltura: “progetto agro” fase operativa

56
0

“Un ponte tra aziende agroalimentari e Parco Tecnologico Padano: quella che stiamo cercando  insieme alla Camera di Commercio e allo stesso PTP è una figura professionale che sappia trasferire alle imprese del Lodigiano le conoscenze che scaturiscono dalla continua ricerca da questo centro di eccellenza che abbiamo sul nostro territorio”. Matteo Boneschi, Assessore all’Agricoltura della Provincia di Lodi, spiega così il senso del bando di selezione approvato dal Tavolo Agricolo Provinciale nella seduta del 20 settembre 2011, attraverso il quale verrà individuato un qualificato professionista a cui affidare il compito di trasferire, a una rappresentanza di aziende del settore agroalimentare che ne faranno richiesta,  le conoscenze tecnologiche in campo agroalimentare che scaturiscono dalle linee di ricerca del Parco Tecnologico Padano. “L’iniziativa – spiega ancora l’Assessore Boneschi – rientra nel pacchetto di azioni che vanno a sostanziare  il progetto denominato “Impresa Agroalimentare tra Start up e Innovazione”, più noto come “Progetto Agro”, frutto di un protocollo d’intesa sottoscritto tra la Provincia di Lodi, la Camera di Commercio di Lodi e il Parco Tecnologico Padano, e che persegue anche altri obiettivi. Tra gli interventi messi in campo dalla CCIAA e del suo Presidente Alessandro Zucchetti, ad esempio, va considerata la messa a disposizione di risorse (attribuite anch’esse tramite bando)  per sette  aziende della trasformazione agroalimentare che daranno corso a investimenti innovativi che puntano ad accrescerne la competitività sul mercato. Saranno, inoltre, disposti dei voucher per le aziende (agricole o della trasformazione agroalimentare) che vorranno accedere a servizi per il miglioramento della qualità del prodotto e per la sua commercializzazione”. Ma è fuor di dubbio che è l’azione di trasferimento tecnologico a costituire un punto cardine su cui si regge l’intero progetto, poiché mette a disposizione elementi unici sui quali costruire le nuove strategie d’impresa. “Con questo intervento –  sottolinea il Presidente Zucchetti – la Camera di Commercio ha inteso rispondere alle sollecitazioni delle imprese per valorizzare la ricaduta diretta sul territorio della ricerca”.

“Ecco perché l’importanza di scegliere un operatore dotato di adeguata professionalità a cui affidare questo compito ed ecco anche perché il coinvolgimento del Tavolo Agricolo Provinciale nel processo di selezione del candidato: il Tavolo avrà anzi un ruolo di “supervisione” in ordine ai requisiti professionali che saranno richiesti ai concorrenti e ai compiti che avranno. Nella riunione di martedì in Provincia il Tavolo, che riunisce tutte le organizzazioni di categoria e sindacali del settore agricolo lodigiano, ha espresso un giudizio positivo sui requisiti sottoposti alla sua valutazione e all’unanimità ha approvato l’intero impianto dell’avviso di selezione. Nella fase attuativa, però, oltre alla figura che andremo a individuare – chiarisce Matteo Boneschi – saranno decisive la sinergia e l’integrazione tra i partner del progetto. Alle attività di trasferimento tecnologico, infatti, prenderanno parte anche i tecnici del PTP, originari depositari delle informazioni da veicolare, e anche degli operatori del Dipartimento Agricoltura della Provincia di Lodi, depositari a loro volta di una profonda conoscenza del mondo rurale lodigiano e delle sue dinamiche produttive.

Le conoscenze “di contesto” che usciranno dal lavoro di predisposizione del “Progetto Agro” troveranno rappresentazione in un rapporto volto a sviluppare un’analisi economico-statistica che evidenzi lo stato dell’arte, i punti di forza e di debolezza e le opportunità di nuova imprenditorialità nel settore agricolo e agroalimentare lodigiano.