Home Territorio Lodigiano Protezione civile, iniziative nazionali a Lodi, Montanaso e Caselle Landi

Protezione civile, iniziative nazionali a Lodi, Montanaso e Caselle Landi

422
0
protezione civile di lodi

L’assessore regionale al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni sara’ domani, giovedi’ 7 novembre, a Lodi (ore 10.30) presso Sal, Societa’ Acque Lodigiane, dove e’ allestito il campo base per una esercitazione di Protezione civile a cura di Esercito Italiano e Ana, Associazione Nazionale Alpini. Successivamente, alle ore 11, l’assessore Foroni sara’ presso la cava a Montanaso Lombardo dove il Genio Militare realizzera’ un bypass fluviale per poter costruire sistemi di spostamento delle acque in caso di grandi piene, attivita’ di salvataggio in ambiente lacustre.

“Un bellissimo esempio di coordinamento tra i vari corpi militari, civili e del volontariato – ha dichiarato l’assessore al Territorio e protezione civile Pietro Foroni – che denotano la vitale importanza delle sinergie tra i vari corpi, in particolare in eventi di massimo allarme protrattisi per piu’ giorni”.

Nel comune di Caselle Landi sara’ invece realizzata una ‘riprofilatura’ del pennello dell’arginatura del Po, insieme ad Aipo, Agenzia Interregionale per il fiume Po. I due comuni allestiranno nella giornata di domani i Centri operativi comunali (Coc) in coordinamento con il Centro coordinamento soccorsi (Ccs) istituito presso la Prefettura di Lodi.

Nell’occasione, Regione Lombardia svolgera’ funzioni di osservatore sul terreno a supporto degli enti locali e nella verifica delle attivita’ previste. Il coordinamento, invece, sara’ effettuato dalla Sala operativa regionale di via Rosellini a Milano, con i collegamenti radio per il coordinamento regionale.

In campo, oltre a Esercito Italiano e Ana, i due comuni, la provincia di Lodi con il suo servizio di protezione civile, Aipo, Areu, Ati 118 di Lodi, le forze dell’ordine del territorio per la gestione delle scorte e della viabilita’. Obiettivo principale di questa manovra nella sua seconda edizione e’ testare un modulo composto da personale militare, prevalentemente truppe alpine, e Ana per quanto riguarda assetti di protezione civile e sanita’. Partecipa anche il Dipartimento Nazionale di protezione civile.