Cronaca

Preso il secondo autore della rapina di Marudo, in carcere 25enne marocchino

I Carabinieri di Lodi Vecchio, nel prosieguo dell’attività d’indagine relativa ai fatti che hanno portato all’arresto di due soggetti trovati a bordo di un’Audi A3 rubata ad una coppia nelle campagne di Marudo, hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto E.M., nato in Marocco nel 1993, in Italia irregolare e senza fissa dimora, con diversi precedenti di polizia, perché ritenuto essere il secondo autore della rapina pluriaggravata in concorso commesso ai danni della coppia.

I Carabinieri, al termine dell’incessante attività info-investigativa hanno raccolto nei confronti del marocchino gravi e concordanti indizi di reità, avvalorati tra l’altro dalla positiva individuazione fotografica delle vittime.

I militari inoltre sono riusciti a localizzare il probabile rifugio utilizzato per nascondersi dal responsabile a Salerano sul Lambro, all’interno dell’abitazione usata dal tunisino 51enne già arrestato nei giorni scorsi.

Alle prime ore dell’alba di sabato scorso è scattato il blitz da parte dei carabinieri di Lodi Vecchio, i quali dopo aver circondato l’edificio, hanno avuto accesso all’interno dell’abitazione bloccando E.M. e procedendo alla perquisizione dell’immobile. In casa i militari hanno ritrovato la restante parte della refurtiva rapinata alla coppia, nonché altri smartphone, borse, capi d’abbigliamento e chiavette usb, di dubbia provenienza su cui sono in corso ulteriori accertamenti.

Stante gli ulteriori elementi di reità acquisiti dalla perquisizione ed il concreto pericolo di fuga del 25enne, lo stesso è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto e condotto nel carcere di Lodi.


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);