Attualità

Pazienti islamiche. Assessore Welfare Regione Lombardia: «Nessun protocollo per donne islamiche»

“Nessuna corsia preferenziale, nessuna norma ad hoc, nessuna modifica delle protesi e dei sussidi medicali, noi agiamo mettendo al centro il paziente, la persona, senza farci condizionare dall’etnia, cultura o credo religioso. L’unico obiettivo delle nostre strutture sanitarie e’ offrire la migliore presa in carico”. Lo afferma l’assessore al Welfare della Regione Lombardia in merito alla notizia apparsa questa mattina su un quotidiano di Lodi in relazione a un presunto protocollo adottato all’interno della struttura ospedaliera secondo il quale si fornirebbe alle pazienti islamiche un’assistenza rispettosa di alcuni principi del loro credo religioso.

“L’Asst di Lodi – conclude l’assessore – ha già smentito categoricamente la notizia, sottolineando che l’unica prassi diffusa nelle strutture dell’Azienda e’ la sensibilità e il rispetto per il paziente”.


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);