Home Cronaca Ospedaletto, deraglia Freccia Rossa: due morti e 27 feriti

Ospedaletto, deraglia Freccia Rossa: due morti e 27 feriti

861
0

E’ di due morti, i macchinisti Giuseppe Cicciù e Mario Dicuonzo, e 27 feriti, fortunatamente non gravi, il bilancio di un deragliamento ferroviario avvenuto questa mattina intorno alle 5:30 nei pressi di Ospedaletto nelle vicinanza della cascina Griona lungo la linea Milano-Bologna.
Si tratta del convoglio 9595 diretto a Salerno che in quel tratto viaggiava a 280 km/h. A ribaltarsi la motrice ed altre due carrozze: la motrice è finita prima contro un carrello su un binario a fianco e poi contro una palazzina delle ferrovie, dove ha terminato la sua corsa. Le cause sono in corso di accertamento. Sul posto diverse squadre del Vigili del Fuoco e i mezzi di soccorso. Tutti i treni, in entrambe le direzioni, sono stati instradati sulla linea convenzionale Milano – Piacenza con ritardi fino a 60 minuti.
I soccorsi dell’AREU sono intervenuti con due elicotteri provenienti da Brescia e da Como, e con 12 ambulanze alle quali se ne sono aggiunte altre. Due feriti in codice giallo sono stati trasportati a Cremona (in elicottero) e a Lodi.
La prima vettura del treno “si è staccata dal resto del convoglio per i sistemi di sicurezza e ha proseguito la corsa”, questa “è stata una fortuna nel dramma perché altrimenti c’era il rischio che anche il resto del treno avesse lo stesso impatto tremendo”, ha spiegato il governatore della Lombardia, Attilio Fontana.
L’area è stata sottoposta a sequestro dalla Polfer al termine delle operazioni di soccorso, la procura di Lodi ha aperto un’inchiesta per disastro ferroviario, omicidio colposo plurimo e lesioni colpose plurime. Il prefetto di Lodi, Marcello Cardona: “poteva essere una carneficina”.
 Sulle prime tre carrozze, infatti, viaggiavano soltanto 4 persone (una nella prima, due nella seconda, una nella terza) e questo avrebbe contribuito a evitare che ci fossero più morti.
Il bilancio definitivo dell’incidente e’ di 2 persone decedute, 31 feriti. Di questi 4 ricoverati in codice giallo a Lodi (2), Cremona e Pavia, e 27 in codice verde negli ospedali di Lodi (8), Melegnano (4), Crema (3), Humanitas (3), Codogno (2), Piacenza (3) e Castel San Giovanni (4).