Home Territorio Lodigiano Massalengo. Uniti in Massa: «Oneri non adeguati, si rischia di perdere svariate...

Massalengo. Uniti in Massa: «Oneri non adeguati, si rischia di perdere svariate migliaia di euro»

85
0

comune-massalengoMassalengo – Sono passati sette anni e mezzo, sin dall’epoca della giunta De Marco, ma il Comune non ha mai adeguato gli oneri di urbanizzazione. E’ quanto si evince dalla lettera protocollata in Comune a Massalengo e inviata anche alla Corte dei Conti e alla Procura di Lodi, a firma del capogruppo della lista civica di opposizione Uniti in Massa, nonché responsabile Enti Locali Lega Nord, Severino Serafini.
Si legge nella missiva: “(…) nelle prossime settimane il Comune, come annunciato a mezzo stampa dal Sindaco, dovrebbe sottoscrivere dal Notaio con la società FAIL, il piano integrato d’intervento per l’ampliamento del polo logistico in località Postino, considerato che il piano integrato d’intervento FAIL ha una capacità realizzativa di 72.256 mq., considerato che gli oneri di urbanizzazione sono determinati dai comuni con obbligo di aggiornamento ogni tre anni, visto che già in sede di adozione e di approvazione del piano integrato febbraio-aprile 2014) feci presente che gli oneri non venivano adeguati da ben 5 anni e mezzo e ciò avrebbe comportato un danno economico per le casse dell’Ente pubblico (…), oggi, a distanza di due anni da Consigli di adozione ed approvazione del piano, non è stato deliberato nessun aumento degli oneri chiedo un intervento urgente del sindaco e della giunta, a tutela dell’ente pubblico che amministrano, affinché approvino una delibera che adegui gli oneri di urbanizzazione almeno per gli interventi di nuova costruzione in ambito strategico IS (futura espansione logistica) e in ambito strategico RS (futura espansione residenziale)“. 

Secondo Serafini e Uniti in Massa quindi, in questa annosa e già discussa vicenda per l’ampliamento del polo logistico e delle relative opere di compensazione, di cui i residenti dovrebbero trarne un vantaggio, ci potrebbe essere il rischio del mancato introito nelle casse comunali di svariate migliaia di euro.