Home Territorio Lodigiano Massalengo. Finisce in anticipo il mandato del sindaco Papagni

Massalengo. Finisce in anticipo il mandato del sindaco Papagni

235
0

Massalengo – In seguito alle dimissioni di tutti i consiglieri del gruppo di maggioranza “Cittadini per Massalengo” per “l’impossibilità di lavorare in un clima sereno” finisce in anticipo il mandato del sindaco Domenico Papagni. Un epilogo che sembrava già nell’aria da tempo. Adesso il prefetto dovrebbe nominare un commissario prefettizio che possa condurre il Comune sino alla prossima data utile per le elezioni. Di seguito pubblichiamo il comunicato integrale delle liste di opposizione “Uniti in Massa” e “Lega Nord”.


Non potremmo esordire in altro modo se non dichiarando di essere senza parole; non tanto per le dimissioni in massa del gruppo di maggioranza, cosa che non ci stupisce affatto, essendo l’unico epilogo possibile per una compagine così eterogenea, disarticolata e inconcludente, priva di un’idea precisa e condivisa di ciò che il paese sarebbe dovuto diventare. No, cari concittadini, tutto ciò non ci stupisce. Ciò che ci ha lasciati basiti e attoniti è la totale mancanza di rispetto che questa amministrazione dimostra per le istituzioni, poiché stamane, mentre i nostri gruppi erano riuniti per discutere della situazione, abbiamo appreso che la Prefettura di Lodi ha avuto notizia di queste dimissioni solo dalla stampa. Non potevamo crederci: nessuno dal Comune ha avvisato la Prefettura! Si vede che i membri della maggioranza erano troppo impegnati a scrivere post decisamente fuori luogo nei propri profili sui social network, rendendo questa situazione, che di per sé necessita di particolare attenzione e rispetto, l’ennesimo teatrino imbarazzante a cui ci hanno abituati in questi anni. Già durante la scorsa campagna elettorale avevamo lamentato l’inconcludenza di questo gruppo nell’amministrare il paese, e purtroppo abbiamo avuto ragione. Resisi conto delle proprie mancanze nella gestione della cosa pubblica, finalmente si sono ritirati, dopo aver paralizzato il paese per otto anni, e aver provocato la fine di un personaggio importante per il nostro paese, come è stato il Dott. Papagni. Ma ciò che è peggio è che questo gruppo ha rimandato di mesi questa decisione così importante, evitando così le elezioni anticipate nel corso di quest’anno, e condannato Massalengo a un nuovo anno di stagnazione e immobilità (verrà infatti nominato un commissario prefettizio che potrà adempiere solo all’ordinaria amministrazione), e questa situazione ci lascia oltremodo preoccupati, dato che si riverserà sui futuri amministratori, che dovranno mettere mano a una quantità impressionante di problemi (alta pressione fiscale, tessuto commerciale allo sfascio, rete idrica al collasso, questione tangenziale irrisolta, le frazioni Motta e Chiesuolo abbandonate a sé stesse, una scuola materna insufficiente, un inutile Piano di Governo del Territorio in sospeso dopo aver speso migliaia di euro per la sua stesura, quasi 30.000 euro buttati per spese legali della farmacia comunale di Motta Vigana, e la lista potrebbe continuare ancora per molto, troppo). E ora noi continueremo a lavorare per Massalengo come abbiamo sempre fatto, convinti ora più che mai che la politica è una cosa seria, e non un ridicolo spettacolino. Speriamo solo che chi ha provocato così tanti danni al nostro Comune non decida di riciclarsi e ripresentarsi agli elettori cercando di far loro dimenticare tutto quanto. Noi, dal canto nostro, ribadiamo con viva forza il nostro impegno per il bene di Massalengo, consci che la mala politica colpisce sempre e soprattutto i cittadini.