Home Politica Lodi Vecchio. Esposto in Procura. Pizzi: «Schede distrutte prima del voto, come...

Lodi Vecchio. Esposto in Procura. Pizzi: «Schede distrutte prima del voto, come hanno previsto che non sarebbero servite?»

762
0

Pubblichiamo di seguito alcuni passaggi della nota stampa diffusa ieri da Eva Pizzi, candidata sindaco a Lodi Vecchio alle elezioni dello scorso maggio per il centrodestra, che prosegue la sua battaglia “di chiarezza e trasparenza”, con un esposto alla Procura. Nella nota la Pizzi mette in evidenza alcune domande che vi riportiamo.


Nelle ultime settimane in seguito agli articoli pubblicati sulla stampa purtroppo abbiamo dovuto prendere atto di un atteggiamento estremamente livoroso da parte del sindaco e di alcuni membri dell’amministrazione nei confronti della mia persona e di chi ha sostenuto il ricorso.

(…) è inspiegabile come si cerchi di distogliere l’attenzione dai fondati motivi del ricorso, trasformando il tutto in un caso mediatico, minaccioso e immotivato nei confronti dei ricorrenti, in particolare della sottoscritta. Questo meccanismo messo in atto ha, inevitabilmente, lo scopo di aizzare i cittadini verso la scrivente e di fare in modo che tutto il consiglio comunale mi emargini ed escluda, forse perché scomoda nell’esporre con coraggio troppe verità (…).

A questo punto sorgono diverse domande:

– se nulla ci fosse da nascondere perché non esporre i fatti con precise e serene risposte?

– perchè sono state distrutte 300 schede di scorta il giorno prima del voto senza darne comunicazione alla prefettura come da circolare? come hanno potuto prevedere che non sarebbero servite?

– Perchè nei verbali di seggio in più sezioni omettono di dichiarare le schede elettorali ricevute, altri omettono di scrivere quelle avanzate e addirittura in un seggio dichiarano di aver autenticato più schede di quelle che avevano in dotazione? Perchè in diversi seggi la somma matematica delle schede non torna?

– Perché un sindaco, invece di provvedere a mantenere civilmente l’ordine pubblico, sta istigando i cittadini nei miei confronti?

Si invita nuovamente, come ha scritto pubblicamente sulla pagina di “evapizzi sindaco “la Signora Balzari nel ruolo istituzionale di Vicesindaco, a pubblicare il ricorso sul sito del comune compresi tutti gli atti e documenti ivi menzionati. È così che le persone potranno farsi un opinione non distorta dalle loro faziose esposizioni. (…)

(…) Confido nel lavoro della magistratura.