Lettere a Lodinotizie

Lodi. «Teleriscaldamento: costi e continui disagi alla comunità»

E’ di sabato 20.05 la notizia che, nel corso di giugno prossimo, i cantieri per il teleriscaldamento interesseranno anche il centro storico, in particolare Piazza Mercato, ma se, da una parte ci sarebbe una riduzione dei costi di riscaldamento, dall’altra, comunque, ci si troverebbe ancora davanti a delle strade disastrate dagli scavi e a dei immancabili disagi per noi cittadini che, ancora una volta, ci toccherebbero, insieme a dei costi che, fino a prova contraria, il Comune non può permettersi di sostenere per il rifacimento di tutto il manto stradale.

In tutte le zone di Lodi coinvolte rimangono i segni dei lavori non eseguiti al meglio, forse per risparmiare, e quindi ci si chiede se fosse proprio necessario tutto questo, perché, sostanzialmente, se serve per il risparmio energetico nel lungo termine, nel breve, invece, vengono sostenuti costi che, probabilmente, saranno ancora i cittadini a rimborsare, a meno che, come Partito Pensionati, non siamo a conoscenza del fatto che tutte le spese di rifacimento delle strade e dei marciapiedi, siano a carico della società LGH, esecutrice dei lavori di teleriscaldamento.

Tenendo conto anche del fatto che alcune vie interessate, come Via Paolo Gorini, Viale Dalmazia, Via Cavezzali o Corso Mazzini, per fare alcuni esempi, erano state asfaltate nel corso degli ultimi anni e quindi era già stato speso denaro pubblico, ci chiediamo se non fosse stato il caso di evitare tutto questo spreco, insieme alla chiusura protratta di zone cittadine che ha provocato e che provocherà ancora in futuro, un traffico insostenibile per la città e per i cittadini, che sono costretti a una sorta di gimcana quotidiana .

Le ultime opere sono state realizzate in questi mesi in Via Secondo Cremonesi, dove, anche qui, si è creato un forte disagio nel traffico in entrata per chi dalla tangenziale doveva andare verso Corso Mazzini, in quanto il flusso veniva deviato verso Via XX Settembre intasando sempre più la zona dell’ospedale, già presa d’assalto quotidianamente.

Nella foto allegata si può constatare lo stato di dissesto della strada – montagne russe – dopo la fine dei lavori; restiamo in attesa di vedere quando e come verrà sistemata…. e/o a chi toccherà farlo!!!

Domenico Ossino Referente per Lodi Partito Pensionati

partitopensionatilodi@gmail.com

Lodi, 22 maggio 2017


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);