Lodigiano

Lodi. Riunione in Prefettura. Deposito stoccaggio gas verso l’avvio

Lodi – Si è svolta stamattina in Prefettura una riunione del Tavolo di coordinamento istituzionale-presieduto dal Vice Prefetto Vicario, Mariano Savastano, per fare il punto della situazione necessarie alla graduale messa in esercizio del deposito di stoccaggio ITAL GAS STORAGE di Cornegliano Laudense.

All’incontro hanno partecipato il Vice Presidente della Provincia, i Sindaci dei Comuni di Lodi, Cornegliano Laudense, Lodi Vecchio e Massalengo, i funzionari dei Vigili del Fuoco, del Ministero dello Sviluppo Economico-Ufficio Nazionale Minerario per gli Idrocarburi e le Georisorse-UNMIG e di ARPA-Dipartimento di Lodi nonchè il Direttore Generale di ITAL GAS STORAGE.

Nel corso dell’incontro la Società ha illustrato di aver completato con successo i test di funzionalità e di pre-esercizio con l’utilizzo di gas inerte (azoto) non infiammabile e che il collegamento dell’impianto alla rete nazionale di trasporto gas (Snam Rete Gas) è stato completato.

Sono state ultimate con esito positivo anche le verifiche minerarie, di competenza del Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con i Vigili del Fuoco.

Per quanto riguarda, invece, le verifiche in materia di rischio industriale previste dalla c.d. legge Seveso III, il Gruppo istruttorio (formato da ARPA, Inail, UNMIG e Vigili del Fuoco) ha completato i controlli ed i sopralluoghi “in campo” ed è in corso di redazione la relazione tecnica conclusiva, che sarà successivamente inoltrata al Comitato Tecnico Regionale, al quale compete la conclusione dell’istruttoria e l’emissione del parere finale contenente le necessarie prescrizioni.

Il Sindaco di Cornegliano Laudense, unitamente al Sindaco di Lodi, al Vice Presidente della Provincia e agli altri Sindaci presenti, hanno ribadito la necessità di rispettare i tempi procedurali affinchè si arrivi quanto prima al rilascio del parere finale da parte del CTR.

L’acquisizione di tale atto consentirà alla Prefettura di avviare l’istruttoria per la redazione del PEE-Piano di Emergenza Esterno e costituirà, altresì, la documentazione che i Sindaci utilizzeranno per elaborare un’informazione alla cittadinanza, corretta e completa, sui possibili scenari di rischio.

 


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);