Home Cronaca Lodi. Arrestato violentatore seriale: in carcere 24enne turco

Lodi. Arrestato violentatore seriale: in carcere 24enne turco

2043
0

Lodi – E’ stato arrestato nella sua abitazione in zona San Fereolo, il 24enne turco Baris Oztokack, dipendente di un ristorante kebab in città, con l’accusa di aver violentato e picchiato alcune prostitute straniere e in taluni casi di averle rapinate. L’uomo è già conosciuto alle forze dell’ordine per reati analoghi.

Nel 2016, quando ancora non abitava a Lodi, aveva tentato di violentare su un treno, dapprima una ragazza giovanissima, poi addirittura nella stessa circostanza aveva provato a molestare la capotreno. Individuato dalla Polfer sul convoglio diretto a Milano Garibaldi, era stato denunciato a piede libero.

Il 6 novembre del 2018 era già stato arrestato dalla polizia il 6 novembre del 2018, per aver tentato di violentare una ragazza cinese nel centro massaggi di via Sant’Angelo, a poco distanza dalla sua abitazione. Condannato aveva poi patteggiato e dopo sei mesi è stato trasferito al “CPR” di Torino per il rimpatrio. Il 24enne però aveva fatto ricorso – e gli era stato accolto – tornato di fatto in circolazione.

A Lodi invece fra il 2018 e il 2019 sono almeno altri 5 i casi di violenza che sarebbero accertati dalla polizia, ma solo tre hanno poi deciso di denunciare l’accaduto, a danni stavolta di prostitute che svolgono l’attività in appartamenti in diverse zone della città.
I tre casi denunciati riguardano tre giovani sudamericane, commessi con lo stesso modus operandi il 19 novembre 2018, l’11, il 26 settembre 2019 (zona Albarola, viale Pavia, via Cavallotti): il 24enne contattava le ragazze tramite web su siti di incontri, fissava l’appuntamento e una volta in casa si accertava che le vittime fossero sole. Quindi le prendeva immediatamente a pugni per poi costringerle al rapporto sessuale non protetto, una o più volte, restano nell’appartamento anche per alcune ore. Prima di uscire di casa prendeva il telefono delle vittime e cancellava dalla memoria i contatti che erano intercorsi tra di loro. Quando riusciva a trovare denaro se ne impossessava.

Il 24enne turco si trova ora in custodia cautelare nel carcere di Lodi.