Home Attualità Lodi, abbonamenti trasporto pubblico: erogate agevolazioni per 6.000 euro

Lodi, abbonamenti trasporto pubblico: erogate agevolazioni per 6.000 euro

237
0

Sono 590 gli abbonamenti agevolati al trasporto pubblico locale, di cui 193 ordinari, 269 per studenti e 128 “senior”, distribuiti nei mesi di agosto e settembre. Il Comune di Lodi, impiegando le risorse messe a disposizione dal Decreto Legge “Rilancio” per la ripresa post emergenza Covid-19, ha finora contribuito per 5.893 euro all’acquisto dei titoli di viaggio e restano ancora a disposizione 19.107 euro su una cifra complessiva di 25.000 euro impegnata dal Comune per garantire fino al 31 dicembre le riduzioni tariffarie per l’accesso al servizio gestito da Line s.p.a.. 

L’acquisto dei mensili agevolati può essere effettuato presso la biglietteria del Terminal Bus di via Visconti n.1, che dal 12 ottobre si trasferirà in viale Dante, nei locali della biglietteria Star, oppure online tramite il sito internet www.lineservizi.it

Le riduzioni previste sono le seguenti: 

mensile ordinario: da 34,50 € a 18,00 €, con differenza di costo a carico del Comune di 16,50 €; 

mensile studenti: da 24,50 € a 18,00 €, con differenza a carico del Comune di 6,50 €; 

mensile senior: da 25,50 € a 18,00 €, con differenza a carico del Comune di 7,50 €. 

“Raccogliamo i primi frutti dell’impegno che abbiamo messo in campo sul fronte della mobilità per favorire le famiglie più colpite dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria – dichiara l’assessore al Trasporto pubblico Alberto Tarchini –. Nei primi due mesi di validità delle nuove tariffe abbiamo già erogato aiuti per quasi 6.000 euro e la cifra è destinata a salire rapidamente, considerando che ad agosto e a settembre il ricorso al trasporto pubblico è limitato rispetto all’autunno che vede la ripresa delle attività scolastiche e lavorative dopo il periodo delle ferie. La scelta compiuta dall’Amministrazione comunale è chiaramente indirizzata anche a intensificare l’utilizzo dei bus per sgravare la città dal traffico generato dalla circolazione dei mezzi privati, con l’ulteriore auspicio di invogliare nuovi utenti a sperimentare per la prima volta il Tpl”.