Home Lettere a Lodinotizie Lettere – Sequestro della merce per accattoni e abusivi

Lettere – Sequestro della merce per accattoni e abusivi

77
0

La prossima amministrazione dovrà dare un giro di vite su accattoni e abusivi con ordinanze ancora più severe e controlli a tappeto in città. E dato che la multa è pressoché inutile, proponiamo la confisca dei soldi, per destinarli ad associazioni che fanno del vero volontariato. I venditori abusivi – di ombrelli, borse ed anche merci contraffatte – sono invece un danno alle attività commerciali della città: il movimento chiede quindi che la merce venga sequestrata e data a realtà di volontariato.

Deve essere poi essere introdotto l’obbligo di mostrare lo stato patrimoniale nel Paese d’origine, tradotto in italiano e certificato dal consolato, per gli stranieri che chiedono contributi comunali, perché tanti di questi, oltre ad avere un patrimonio, fanno poi accattonaggio o il venditore abusivo, alimentando così le reti dei racket.

In troppi spazi pubblici, dalle vie del “salotto buono” del centro storico a piazza Vittoria, da piazza Ospitale a piazza Mercato, dai giardini Barbarossa alle aree adibite a parcheggio dell’Ospedale e del centro commerciale My Lodi, davanti alle chiese, ai supermercati e all’ingresso del cimitero Maggiore, durante il mercato, c’è una concentrazione di accattoni e di vù cumprà mai vista prima, letteralmente senza precedenti.

I “poveri” – o presunti tali – che chiedono l’elemosina non si aiutano lasciandoli sul marciapiede. Così come non si possono chiedere soldi ai cittadini con tasse dandogli in cambio il degrado a cui i lodigiani assistono tutti i giorni.

Situazione preoccupante è quella poi del parcheggio dell’Ospedale Maggiore, occupato quasi in modo militare da extracomunitari che fanno i posteggiatori abusivi con comportamenti vicini all’estorsione nei confronti di chi lascia lì la macchina. Compiono atti di accattonaggio, ma anche atti vandalici a chi si rifiuta di “pagare il pizzo”: macchine con le gomme spaccate, con le ruote rubate o con gli specchietti smontati e portati via. È necessario affrontare il problema perché dietro il semplice parcheggiatore abusivo si nasconde un vero e proprio racket di sfruttamento con un’organizzazione criminale vera e propria.

Invitiamo comunque ogni cittadino infastidito da accattoni ed abusivi a chiamare e sollecitare la Polizia Locale per chiederne l’intervento immediato.

Fratelli d’Italia-Alleanza Lodigiana