Home Lettere a Lodinotizie Lettere a Lodinotizie – Lodi Vecchio, botta e risposta Lacerenza-Mascherpa

Lettere a Lodinotizie – Lodi Vecchio, botta e risposta Lacerenza-Mascherpa

24
0
La casa dell’acqua di Lodi Vecchio

Buongiorno Direttore,

ho potuto apprezzare su Il Cittadino del 14 Marzo il ritorno del redivivo Mascherpa che, pur di non farsi mancare niente, passa in poche righe dall’entusiasmo per la casa dell’acqua ad un confuso attacco nei miei confronti.

In primo luogo sono stupito dell’entusiasmo già mostrato in precedenza dal candidato successore del Podestà Cordoni, il signor Vitale, e quindi dal signor Mascherpa per la stupendissima casa dell’acqua che a 5 centesimi al litro offre (più costi di acqua ed elettricità pagati con le tasse comunali) dell’acqua “refrigerata, la cui caratteristica principale è la sua “freschezza” in quanto essa proviene dalla rete dell’acquedotto comunale, certificata alla fonte” (disse Vitale): un affare. Insomma, se la qualità era già ottima in partenza, ed acqua ed elettricità sono sempre a carico del cittadino, per 5 cent/L mi aspetterei almeno un bicchiere carino, magari con un ombrellino ed una piccola decorazione.

Quindi il Signor Mascherpa mi invita ad occuparmi anche di altre realtà tipo quella di Borgo San Giovanni, invito senza alcun senso ma, dato che le affermazioni senza senso non sono tipiche del Signor Mascherpa, immagino intendesse “Cornegliano Laudense” (mio attuale comune di residenza) e che si tratti di un comprensibile errore di battitura. Ebbene sappia che sono ben attivo su Cornegliano e che, quando segnalo dei problemi o delle possibili migliorie, lì rispondono! Magari non sono sempre d’accordo con l’Amministrazione del Comune ma quantomeno i cittadini non sono trattati solo come i paganti ma come, appunto, cittadini proprietari dell’ente. Non comprenderò mai questa polemica e soprattutto il perché se la prenda così il Mascherpa: mi aspetterei di più un attacco del genere da un Assessore del Comune (uno a caso, magari allo Sport) oppure dalla capogruppo della maggioranza (che mi pare sia Veronica Dattilo).

Forse il Signor Mascherpa non comprende come l’astio di cui lui parla mi pare naturale quando vedo il parco dove giocavo da piccolo distrutto a causa dell’incapacità di fare una manutenzione di base.

Le dirò di più, Signor Direttore, divento astioso, per non utilizzare termini politicamente scorretti, ancor di più quando vedo marciapiedi distrutti, strade che sembrano la Parigi Dakar ed un’area industriale ridotta all’indecenza.

Ancor di più, mi sale la carogna sulle spalle quando vedo cittadini di ogni età costretti a camminare in strada perché il marciapiede non c’è, è distrutto o qualche genio l’ha progettato largo meno di 10 centimetri, quando vedo che Santa Maria è di nuovo al buio o che avremmo potuto avere a disposizione un patrimonio storico enorme ed invece ci troviamo un magazzino comunale e palazzi.

Ma ha ragione il Signor Mascherpa, sarebbe meglio vivere ignorando questo schifo come probabilmente fa lui ma, purtroppo, io non ne sono capace.

Luigi Lacerenza

Lega Nord Lodi Vecchio