Lettere a Lodinotizie

Lettere – Lega e PD due facce della stessa medaglia

Che Lega e PD fossero due facce della stessa medaglia già lo sapevamo e oggi abbiamo trovato un’ulteriore conferma. Da un’analisi dei regolamenti e statuti dei due partiti abbiamo infatti scoperto che entrambi hanno deciso di finanziarsi chiedendo ai nominati in enti pubblici e partecipate una quota del loro stipendio.

Quello di chiedere un contributo ai manager pubblici di nomina politica che siedono nelle municipalizzate o enti e fondazioni pubbliche è un metodo inaccettabile che ricorda molto comportamenti clientelari da prima Repubblica. Non è corretto che ci siano manager pubblici legati a doppio filo ad una segreteria di partito.

I manager fanno assunzioni, scelgono fornitori e per farlo rispondendo solo all’interesse pubblico non devono essere assoggettati a questo o quel partito. Il direttore di un ospedale ad esempio dovrebbe essere scelto perché è il migliore tra quelli disponibili, non il migliore tra quelli disposti a versare una quota mensile del loro stipendio al partito da cui dipende la nomina.

Questo sistema costituisce un importante limite alla meritocrazia. Secondo infatti quanto prescritto dallo statuto finanziario del PD lodigiano, per candidarsi ad un ruolo di dirigente pubblico bisogna essere tesserati al partito e in regola con i pagamenti DOVUTI (art 9). All’articolo 7 invece si specifica che i nominati devono versare il 10% del loro stipendio mensile al partito. Nello statuto della Lega Nord invece è messo nero su bianco che anche i nominati hanno il dovere di contribuire al finanziamento della Lega Nord e che l’inadempienza a questa regola è causa di incandidibilità.

Lega Nord e PD anche in questo si dimostrano uguali e identici, voraci di finanziamento a tal punto da inserire nei loro regolamenti e statuti il pagamento di un contributo al partito.

Parole scritte nero su bianco che non lasciano scampo ad interpretazioni. Chiediamo quindi al PD, che ha governato 20 anni la nostra città, chi sono e quanto versano i dirigenti pubblici nella casse del partito. Anche perchè parlano tanto di bilanci trasparenti ma dei bilanci non vi è traccia sui loro siti internet.

Chiediamo inoltre alla Lega e alla Sindaca Casanova se questo sistema caratterizzerà anche le nomine che a breve si apprestano a fare. Il vice sindaco Maggi, da liberale, non dovrebbe poter accettare una pratica del genere, a meno che la nostra città non sia già caduta vittima di un compromesso al ribasso in cui gli interessi politici e dei partiti vengono prima di quelli dei cittadini lodigiani.

M5S Lodi


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);