Home Lettere a Lodinotizie Lettere – L’amministrazione ha raggiunto diversi traguardi in ambito di pulizia e...

Lettere – L’amministrazione ha raggiunto diversi traguardi in ambito di pulizia e differenziata

83
0

Nel corso dell’anno 2018 l’amministrazione Casanova ha raggiunto diversi traguardi importanti in ambito di pulizia e raccolta differenziata. 

L’obiettivo, che non si deve perdere mai di vista, è quello di migliorare sempre più il servizio di igiene urbana per arrivare ad avere un maggiore decoro della nostra città.       

Nel 2018 Lodi ha ottenuto un livello di raccolta differenziata pari al 73% superando di gran lunga il 65% che è  il valore definito dal Testo Unico Ambiente. 

L’anno scorso l’amministrazione si era ripromessa di incrementare il numero dei cestini e l’impegno è stato mantenuto; sono  infatti stati posizionati 60 cestini modello Milano ( dimensioni classiche ) 20 cestini modello Bologna ( più grandi ) e 10 cestini dedicati alle deiezioni canine. 

Vi è stata da parte dell’amministrazione anche  la volontà di un controllo mirato verso coloro che hanno poco senso civico, che ha portato a ben 252 sanzioni per illeciti derivanti dall’infrazione del regolamento di igiene urbana e che purtroppo genera oneri di gestione aggiuntivi oltre che minor decoro della città. 

Il 2019 vedrà una ancora più stretta la collaborazione tra l’azienda incaricata della gestione dei rifiuti e l’amministrazione comunale e attraverso iniziative di sensibilizzazione ed informazione ai cittadini, con l’obiettivo comune di avere una città sempre più pulita ed in ordine. 

Fondamentale sarà la cooperazione con la Polizia Locale che sarà impegnata in un’attività di pattugliamento dedicato ad evitare trasgressioni delle regole e a raccogliere le segnalazioni di abbandono rifiuti, promosse in tempo reale dai cittadini, tramite applicazione 1SAFE che nell’anno 2018, nel periodo compreso tra il 1/8 e il 31/12 , ha portato ad un numero pari a 202 segnalazioni. Nell’ anno 2019 nel periodo tra 1/1 ad oggi le segnalazioni sono state 51. 

Per quanto riguarda l’imposta Tari, hanno bene i signori dell’opposizione da scaldarsi e imputare alla nostra amministrazione il non mantenimento della parola data però è sempre più facile accusare rispetto che analizzare la situazione in modo oggettivo e in questo loro sono maestri. 

La produzione di secco nel corso dell’anno 2018 a Lodi è aumentata di 100 mila euro mentre quella per lo smaltimento dei rifiuti ingombranti di 50 mila euro. 

Chi tanto ci accusa di inefficienza si è chiesto il motivo? 

Forse no!

Anzitutto vi è stato un aumento significativo del costo del personale di Linea Gestione a causa di un adeguamento contrattuale e secondariamente , ma non per importanza, perché vi sono stati maggiori interventi di pulizia generale. 

Avendo poi aumentato il numero dei cestini ed il numero di volte che a settimana questi vengono svuotati, grazie all’introduzione della figura dell’operatore ecologico di quartiere, credo sia normale aumenti la quantità di rifiuti da smaltire.

Gli aumenti di cui stiamo parlando, comportano per le famiglie uno sforzo medio pari a meno di 1€ al mese, in cambio però il Comune offre una città più in ordine pulita e con maggiore decoro. 

Vorrei ricordare alla sinistra che tanto si gongola e lancia accuse, quanto fatto dal loro ex leader Matteo Renzi, quando attraverso il decreto Salva Italia, ha sostanzialmente obbligato le Regioni del Nord a prendere la monnezza che arrivava dal Sud poiche’ queste ultime non erano attrezzate per smaltirla in autonomia. 

Il risultato è che oggi abbiamo gli impianti di smaltimento che sono saturi e di conseguenza chi ha in gestione gli impianti può permettersi di alzare le tariffe. Aumentano così i prezzi di conferimento ma questi sono prezzi su cui noi non siamo in grado di intervenire, è infatti un aumento che subiamo poiché aumentano quelle variabili di costo che non sono di nostra competenza o gestione. 

Basti pensare che in Lombardia ammonta al 18% la spazzatura da smaltire proveniente dalle altre regioni pertanto, fino a che la questione settentrionale non verrà risolta, anche il Comune di Lodi continuerà a risentire delle inefficienze altrui, rimettendoci di tasca propria.

Eleonora Ferri – Consigliere Comunale Lega – Comune di Lodi