Home Lettere a Lodinotizie Lettere – Iniziativa anti piccioni, provare non costa nulla

Lettere – Iniziativa anti piccioni, provare non costa nulla

122
0

antipiccioni-lodi-vecchioMolto spesso se non quasi sempre, le opposizioni in città vengono tacciate di populismo, opportunismo e avvezzi solo alle critiche sulle varie azioni messo in campo dall’amministrazione che governa Lodi Vecchio ininterrottamente dal 1946. Niente di più falso, tante sono state le proposte fatte alla maggioranza ma sempre sono cadute nel vuoto ed in più occasioni sono state tenute secretate nei cassetti delle scrivanie dei  vari sindaci che si sono avvicendati e qualche proposta dell’opposizione veniva respinta, archiviata e tirata fuori un anno dopo come proposta dell’amministrazione che se ne attribuiva i meriti.

Chi segue da vicino le vicissitudini politiche ne è perfettamente al corrente, purtroppo dobbiamo registrare la mancanza di volontà da parte della politica lodivecchina di ascoltare e mettere in campo i suggerimenti e le idee che arrivano dalla contro parte. Spesso ci chiediamo se ci si trova costantemente in campagna elettorale dove (per un’atteggiamento tutto italiota ) denigrare l’avversario politico sarebbe una normalità mentre ascoltare e dar loro voce diventerebbe una questione di vita o di morte della maggioranza in carica, che delusione !!

Fatta questa premessa, ci troviamo a proporre un’azione che farebbe risparmiare alla casse del comune ingenti risorse che potrebbero essere impegnati in altri ambiti. Nelle specifico, ci riferiamo all’annosa questione dei volatili che sporcano le strutture pubbliche, in particolar modo il palazzo del comune, la struttura della biblioteca/museo ed il nuovo asilo nido.

Tanti sono gli interventi eseguiti nel tempo per tentare di tener pulite queste strutture da escrementi di piccioni che essendo catalogati come animali protetti, non possono essere abbattuti. Solo nel 2013, 2014 e 2016, sono stati spesi oltre 40.000 euro di interventi vari per la pulizia, per l’installazione di reti anti piccioni, per l’installazione di impianti elettronici che avrebbero dovuto allontanare gli uccelli e per ultimo l’utilizzo dei falconieri per un’importo pari a 3200 euro + iva.

Quest’ultimo ha sicuramente portato risultati, purtroppo però, dopo alcuni giorni, i volatili si sono ripresentati rendendo vano qualsiasi intervento, da qui l’idea. Leggendo e navigando in internet, ci siamo imbattuti in un’articolo che parlava delle problematiche che i piccioni in una struttura agricola della Campania dove il proprietario disperato ebbe un’idea semplice ma allo stesso tempo geniale.

Un giorno di festa vide tornare a casa il proprio nipotino con un classico palloncino a forma di falco tenuto legato al polso con una cordicella, si accorse che man mano che il bimbo si avvicinava alla struttura, i piccioni scappavano spaventati. A quel punto decise di comprare una decina di palloncino e legarli con uno spago lungo alcuni metri nei quattro angoli della struttura agricola, da quel giorno i piccioni scomparvero.

Per le capriate e i portici invece, in molti utilizzino falchi finti appesi, i fotogrammi allegati sono esplicativi, ed anche in questo caso i risultati sono ben evidenti, riduzione della popolazione di piccioni con ottimi risultati.

Presumiamo quindi che con un costo di una decina di euro, anche le nostre strutture potrebbero avere benefici e farci risparmiare risorse ingenti, provare non costa nulla se non una decina di euro.  Ci  aspettiamo che l’amministrazione metta in atto questa nostra proposta in virtù della sua semplicità e della sua economicità.

Lista Civica Laus Futura

Lodi vecchio