Home Lettere a Lodinotizie Lettere – Il verde che circonda la tangenziale della città di Lodi

Lettere – Il verde che circonda la tangenziale della città di Lodi

39
0

Egregio Direttore,

Si parla tanto della manutenzione ed il mantenimento delle piante del nostro parco dell’Isola Carolina, ma nessuno parla del verde che circonda la tangenziale della città di Lodi, un’infrastruttura vitale per facilitare i collegamenti tra le province di Milano, Lodi e Pavia con quelle di Cremona, Bergamo e Brescia.

Dalla progettazione del 1975, con l’obiettivo di sgravare l’imbuto del ponte storico (un budello di soli cento metri), e le vie cittadine sempre assediate dal traffico, dopo vari anni di ritardo sull’inizio dei lavori e varie interruzioni, la tangenziale venne inaugurata il 19 novembre 2001.

Il tratto in questione inizia dalla SS 9 in località San Bernardo, e, dopo aver varcato il fiume Adda, confluisce nell’ex SS 235 presso la località Fontana, con una lunghezza di circa 4,400 chilometri è interamente gestita dal Compartimento ANAS di Milano.

Questo tratto ha una peculiarità, l’essere tutto sopraelevato rispetto al piano campagna ed attraversare il Parco Adda Sud. Per il mantenimento del rilevato, le sue ripe sono state realizzate con tecniche di alta ingegneria e per mitigare il forte impatto ambientale oltre all’erba sono stati piantati filari di alberi ai lati delle due basi.

Dall’inaugurazione del 2001, negli anni l’unica manutenzione fatta è il solo taglio dell’erba, le piante non hanno ricevuto nessuna cura e la maggior parte sono morte.

Pongo la domanda a chi ha l’onere della manutenzione: l’infrastruttura va tenuta in efficienza per tutte le sue componenti, o solo la sommità dove ci sono le carreggiate?

Questo tratto stradale avrebbe dovuto avere una flora, vanto della città di Lodi, una cinta verde rigogliosa utile al bilancio ambientale per combattere lo smog e, perché no, uno splendido skyline.

Auspico che questa mia lettera possa contribuire a far partire la riqualificazione necessaria, ogni ente per la sua competenza agisca in tempi brevi|


Grazie Direttore per l’ospitalità.

Domenico Ossino