Lettere a Lodinotizie

Lettere – Il PD ha grande confusione in testa

Apprendo dalla stampa, che il gruppo consiliare di centro sinistra del Comune di Milano, con una mozione presentata dal Partito Democratico, è unanime nel chiedere al loro Sindaco Sala di fare pressing sul Governo affinché NON venga disposto l’election day, che accorperebbe le elezioni Politiche a quelle Regionali del 2018. Vorrei ricordare ai tanti compagni di sinistra che si stracciavano le vesti per la spesa relativa al Referendum per l’Autonomia della Lombardia, che se le elezioni venissero fissate in date diverse, la spesa raddoppierebbe.

Non a caso il nostro ordinamento vede con favore l’accorpamento delle elezioni in una giornata unica, proprio per ragioni di spending review, come risulta  stabilito dall’articolo 7 del D.L. 6-7-2011 n.98. Quindi il PD e la sinistra in generale, che tanto dice di voler risparmiare soldi pubblici e che da sempre si fa paladina degli sprechi, perché si oppone all’abbinamento delle elezioni?

I compagni hanno un maledetto bisogno di tempo per trovare un’intesa che consenta loro di presentare candidature comuni nei collegi uninominali. Sarà che temono una batosta sui denti dai loro fedeli che potrebbero decidere di non rinnovargli la fiducia alle urne? Penso che nel PD regni la paura di perdere e sicuramente la cosa certa è che hanno una grande, grandissima confusione in testa!

Eleonora Ferri

Consigliere Comunale Lega Nord

Comune di Lodi 


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);