Home Lettere a Lodinotizie Lettere – Il nostro evento é quello di una Destra sovranista

Lettere – Il nostro evento é quello di una Destra sovranista

393
0

Gentile Direttore,

Con questo scritto replichiamo a tale onorevole Barzotti del Movimento 5 Stelle – scriviamo “tale”  perché la Signora non si è mai fatta viva nel lodigiano prima di oggi e l’elettorato apprende probabilmente solo ora della Sua esistenza come Onorevole della Repubblica, una dei tanti miracolati dell’exploit elettorale del 5 Stelle del 2018. L’esponente 5 Stelle, in una lettera intitolata “Nessun big del centrodestra, solo estrema destra”, ha avuto il coraggio di dipingere il nostro Lavs Fest come un evento dell’estrema Destra locale. Ci mancava solo che descrivesse la nostra serata come un luogo di nazisti che si ritrovano a scolare birra lanciando poderosi saluti romani in aria e poi lo “ story telling” del “dagli al fascista” sarebbe stato al gran completo…

Il Lavs Fest, come ricordiamo ai cittadini e-lettori , é la Festa sovranista promossa da Fratelli d’Italia che si terrà venerdì 13 settembre dalle 18.30 al ristorante Isola Caprera di Lodi, con una serie di dibattiti politici nazionali e cena a buffet per i presenti. 

L’esponente del 5 stelle ha dichiarato sostanzialmente che si tratta di un ritrovo di fascisti, quando in realtà il nostro evento é quello di una Destra sovranista istituzionale che ha invitato senatori come La Russa e Santanché, deputati come Guidesi e Frassinetti, eurodeputati come Fidanza e Sardone, assessori regionali come Foroni e De Corato, sindaci, vicesindaci ed assessori come Casanova, Maggi, Buzzi, e consiglieri comunali come Gualteri, Baggi e molti altri ancora. 

Tutti esponenti istituzionali di una Destra di Governo. 

L’onorevole grillina, tanto per essere banale, si scaglia poi contro la casa editrice Altaforte, invitata al dibattito sulla cultura alternativa di Destra. Una casa editrice che – lì si con metodi poco democratici, stile “grandi purghe” staliniste –  era stata cacciata dal Salone del Libro di Torino la scorsa primavera semplicemente perché professa idee non conformi con la kultura dominante della sinistra. 

Noi siamo più democratici della stessa On. Barzotti, diamo a tutti la possibilità di parlare, e spetterà poi ai lodigiani farsi un’idea. 

Siamo talmente democratici da avere invitato due giornali di istituti scolastici del lodigiano senza chiedere o concordare le domande con loro.  

Alla signora Barzotti domandiamo: é più disdicevole invitare Altaforte alla nostra serata, dando la possibilità ai lodigiani di farsi un’idea, o è più disdicevole fare un governo con il partito di Bibbiano? È più disdicevole organizzare dibattiti politici e sulla cultura alternativa di destra o organizzare una compagine di Governo con il partito di Banca Etruria, Renzi, Lotti, e il  partito degli sbarchi clandestini di massa? L’onorevole Barzotti, esponente di un partito, i 5 Stelle, che invoca sempre onesta, sia onesta davvero con se stessa e con il pubblico: lei si comporta da serva sciocca del PD, ovvero, ora che il governo svolta a sinistra lei sente la necessità di strizzare l’occhio al PD con queste sue sparate antifasciste a dir poco stucchevoli. D’altronde, non solo deve fare l’occhiolino al Partito di Bibbiano, ma deve proprio ringraziare il PD perché, evitando elezioni anticipate ha così salvato la comoda poltrona della Barzotti stessa. Sennò lei sarebbe tornata a casa a essere più nessuno, nel dimenticatoio da cui cerca di emergere dopo due anni di assenza totale sul nostro territorio. 

Ringrazi il PD che le ha salvato, per ora, la poltrona e si goda ancora sino alla fine del mandato il generoso compenso da parlamentare. 

Perché quando gli italiani voteranno – e prima poi arriverà quel momento – non ci sarà scampo: la Signora Barzotti sarà mandata a casa e tornerà ad essere la signora Nessuno di sempre. E, forse, avrà così tempo da dedicare alla letture alternative di Destra della casa editrice Altaforte, facendosi così un po’ di sana cultura, “materia prima” che manca nel partito capitanato dal bibitaro del San Paolo Giggino Di Maio.

Fratelli d’Italia – Federazione Provinciale di Lodi