Home Lettere a Lodinotizie Lettere – I programmi elettorali della sinistra per la maggior parte...

Lettere – I programmi elettorali della sinistra per la maggior parte sono inattuati

356
0

Gli esponenti del PD rivendicano con liste della spesa trite e ritrite quello che di buono sono riusciti a fare a Lodi durante i loro innumerevoli mandati. “Ricordiamo che abbiamo fatto, …” noi siamo stati bravi noi … noi … noi … mentre la giunta Casanova in due anni ha un “bilancio impietoso” ed ha deluso le aspettative della città. 

Senza bisogno di andare a rimarcare (diventerebbe troppo noioso e chi voleva capire l’ha capito dall’applicazione del bilancio approvato a fine luglio) la progettualità e la scelta degli stanziamenti delle risorse volte all’ottenimento degli obiettivi preposti di chi oggi ha l’onore e l’onore di governare Lodi; ritengo ridondante e alquanto surreale i paragoni tra l’amministrazione Casanova e quelle passate di sinistra, avanzati dal Consigliere Furegato, poiché il suo partito, ha governato per un periodo non paragonabile al governo dell’ attuale amministrazione e ci mancherebbe anche che non abbia combinato nulla di buono in ben 23 anni. 

Anche le peggiori amministrazioni, esemplificative le loro, qualcosa di positivo sono riuscite a fare, ma sul piatto della bilancia a fine legislatura, non a metà, si pesano i risultati e sicuramente il “non fatto” (e per alcuni capitoli con l’aggravante di un danno e spreco di denaro pubblico) della sinistra è superiore al “fatto”. 

A dare prova di tutto questo non è la Lega ma è l’oggettività della situazione, i programmi elettorali della sinistra per la maggior parte sono infatti inattuati! 

La smettano i dem di fare i capricci, giocando a voler far credere di essere consapevoli dei loro errori, attraverso piagnistei di presa di coscienza  visti i risultati delle ultime amministrative. Saranno i cittadini a decidere se l’amministrazione Casanova rimeriterà, a fine mandato, la fiducia per governare Lodi, non il Partito Democratico. 

Quest’ ultimo pensi ad essere un’ alternativa valida alla Lega, proponga nuove idee e argomentazioni concrete, visto dove sono finiti con quelle vecchie così che poi si possa aprire davvero un dialogo di confronto positivo e di collaborazione per il bene comune. 

Che il sole di ferragosto li illumini, li rilassi, mi auguro che durante i loro festeggiamenti al Capanno oltre che parlare di massimi sistemi come si legge dal programma delle serate, si preoccupino di capire quali sono i reali problemi dei cittadini, si schiariscano le idee di quale dei loro aspiranti leader seguire, decidano una linea da tenere e la smettano con il vittimismo le polemiche e la lotta al nemico perché hanno davvero stufato. 

Eleonora Ferri – Consigliere Comunale Lega – Comune di Lodi