Home Lettere a Lodinotizie Lettere – Degano non ha rinunciato ai soliti toni sprezzanti

Lettere – Degano non ha rinunciato ai soliti toni sprezzanti

42
0

Anche nel commentare la recente circostanza delle dimissioni del sindaco, il consigliere comunale 5S Degano non ha rinunciato ai soliti toni sprezzanti nei confronti del lavoro degli altri, sostenendo con vistosa approssimazione che l’amministrazione comunale avrebbe realizzato “a malapena due” dei punti del programma che la maggioranza aveva proposto al consiglio prima della chiusura anticipata del mandato e della gestione commissariale che reggerà il Comune sino alle prossime elezioni.

Le cose, naturalmente, non sono andate così; vale quindi la pena di riepilogare con precisione quanto è stato fatto in questi due mesi e mezzo, citando punto per punto gli obiettivi che l’amministrazione si era posta.

Consuntivo 2015: approvato, sbloccando risorse per 3.850.000 euro stanziate l’anno scorso e destinate a lavori in programma quest’anno (tra cui 3,1 milioni per la riqualificazione del sottopasso ciclopedonale tra via Dall’Oro e viale Pavia, 450.000 euro per lavori stradali che nel frattempo sono già stati avviati e per quasi metà conclusi, 300.000 euro per il ripristino dei locali della scuola media “Don Milani” danneggiati dall’incendio dell’ottobre 2015), nonché l’applicazione al 2016 di una quota dell’avanzo 2015, in particolare 280.000 euro

per la bonifica dell’amianto nel collante della pavimentazione delle medie Cazzulani.

Verifica equilibri bilancio e variazione del preventivo 2016: approvati entro i termini, applicando al bilancio 2016 un’altra quota dell’avanzo 2015 di 150.000 eur0, destinata alla bonifica dell’amianto sull’area ex Cetem.

Piano per il Diritto allo Studio: approvato, stanziando in questo modo 2,4 milioni di euro per i servizi scolastici (compreso un aumento di circa 160.000 euro per l’assistenza educativa ai disabili).

Apertura piscina Belgiardino: l’incarico di gestione è stato affidato e la piscina ed il parco sono aperti al pubblico dall’ultima settimana di luglio.

Avviamento Sogir: le operazioni preliminari all’inizio dell’attività della nuova società interamente pubblica, partecipata da 26 Comuni del territorio, che si occuperà della raccolta rifiuti, sono concretamente proseguite, avvicinando l’obiettivo; tra l’altro, il Comune ha impegnato le risorse per conferire la sua quota dell’aumento di capitale sociale. Processo ora ancora più vicino con l’acquisizione definitiva da parte di A2A di LGH.

Riqualificazione supermercato Lidl: è stata approvata la variante che consentirà di realizzare un intervento che oltre a generare circa 580.000 euro di risorse per il Comune permetterà di predisporre il collegamento ciclabile della zona con la pista per Montanaso.

Riorganizzazione uffici: sono state adottate alcune misure di mobilità interna del personale necessarie a garantire un assetto efficace ad alcuni servizi, in particolare i settori anagrafe e ufficio elettorale.

Questi erano i punti della “agenda” proposta in aula dal vice sindaco Pozzoli il 31 maggio: agenda che è stata rispettata e portata a termine.

A questa “lista” si sono aggiunti anche altri importanti provvedimenti: l’approvazione del progetto esecutivo dei lavori di rifacimento di parte delle coperture delle medie “Ada Negri” (180.000 euro), l’atto di indirizzo per sbloccare la bonifica ex Cetem esercitando i poteri sostitutivi nei confronti della proprietà privata inadempiente (con mandato ai settori competenti di elaborare il progetto esecutivo e andare a gara, grazie alle risorse stanziate con la variazione di bilancio), l’approvazione del progetto esecutivo di lavori per 220.000 euro su marciapiedi e attraversamenti pedonali, l’avvio del Piano Integrato di Intervento dell’area Atab di viale Milano, che porterà al Comune risorse per 326.000 euro e creerà circa 15 nuovi posti di lavoro; l’atto di indirizzo per consentire l’ampliamento dell’Agenzia delle Entrate all’ex Linificio (in spazi comunali che verranno affittati per 300.000 euro all’anno; in caso contrario l’Agenzia si sarebbe rivolta altrove e il Comune avrebbe perso anche il canone annuo di 150.000 euro attualmente corrisposto).

A noi non sembra poco; in ogni caso non si tratta certo di “a malapena due punti”.

Segretaria Cittadina PD di Lodi

Lodi, 4 agosto 2016