Home Lettere a Lodinotizie Lettere – Appello al Sindaco di Lodi per transito mezzi agricoli in...

Lettere – Appello al Sindaco di Lodi per transito mezzi agricoli in città

347
0

Egregia Redazione, chiedo ospitalità sul suo giornale, su un tema che in questi giorni è stato anche oggetto di cronaca nera in un paese limitrofo a Lodi causata dal transito di mezzi agricoli, per lanciare un appello al Sindaco di Lodi, Sara Casanova.

Come tutti gli anni in questo periodo è iniziato il transito di mezzi agricoli in città a causa della trinciatura di mais dei campi dislocati in varie zone di Lodi.

Questa amministrazione dovrebbe farsi carico di questo problema.

Non le reputo nessuna colpa, le vere colpe vanno ricercate nelle gestioni passate nel non aver mai considerato come vero e fondamentale problema per la città, questo continuo passaggio dei mezzi agricoli in diverse strade cittadine (anche se alcune sono periferiche).

Molti cittadini abitanti nelle vie non interessate al passaggio dei mezzi non si rendono conto dei danni che provocano. Io abito in una strada, penso la più colpita e martoriata da questo sconsiderato transito.

In questa strada, come in altre, l’inquinamento acustico (anche in orari illegali), l’inquinamento ambientale dovuto ai gas di scarico e polveri sottili è tale da non poter aprire le finestre ed è messa a rischio anche la sicurezza dei residenti per la velocità dei mezzi.

In linea generale si hanno danni provocati al manto stradale, danni procurati alle case per le forti vibrazioni prodotte, lo sporco che si deposita sulle strade prodotto da fango, da varie perdite dei carri o peggio delle cisterne, e il pericolo derivante dalla velocità dei mezzi, costituiscono, un insieme di aspetti fortemente negativi che non si possono ignorare.

Auspico che questa amministrazione possa intervenire con un atto sindacale della Sindaca, in quanto la responsabilità della comunità è in capo a Lei, da qui il mio appello per regolamentare l’attività dei mezzi agricoli in tutto il territorio pubblico/privato cittadino.

Cordiali saluti.

Domenico Ossino Lodi