Home Lettere a Lodinotizie Lettere al Direttore – Lodi Vecchio, situazione imbarazzante in Via Lombardia

Lettere al Direttore – Lodi Vecchio, situazione imbarazzante in Via Lombardia

63
0

Buongiorno Direttore,

già più volte ho scritto e mi sono occupato dell’imbarazzante situazione della Via Privata Lombardia nella zona industriale di Lodi Vecchio, sia per le auto abbandonate nella stessa sia per la gravissima condizione del manto stradale. Venerdì 20 aprile ho chiesto l’intervento dell’ARCA con cui il Comune di Lodi Vecchio ha un contratto per un “Global Service manutentivo”, come lo chiamano sul sito, ma mi veniva risposto che le vie private non sono coperte dal canone pagato dal Comune nonostante, vorrei aggiungere, gli imprenditori delle vie private siano comunque tenuti a pagare dei canoni/tariffe/tasse al Comune, chissà per cosa a questo punto. Vorrei quindi riportare a Lei ed ai Lettori la mail che ho girato all’Arch. Riccaboni in data 20 Aprile (con il Sindaco in copia conoscenza), sperando anche che almeno qui decidano di leggerla e mi degnino di una risposta.

Buongiorno, la situazione del manto stradale della via Privata Lombardia in zona industriale ha ormai raggiunto una situazione di degrado insostenibile ed intollerabile: vi sono ampie e profonde buche che pregiudicano la sicurezza degli utenti della strada.

Contattata l’ARCA mi è stato risposto che non è per loro possibile intervenire a carico del Comune trattandosi di strada privata, come avrà potuto leggere in copia. Vorrei chiederLe conferma della correttezza della mia interpretazione riguardo eventuali responsabilità secondo quanto segue.

Preso atto della sentenza n. 373 del 4 febbraio 2004 del Consiglio di Stato via Lombardia è una strada ad uso pubblico poiché vi è un passaggio esercitato “iure servitutis pubblicae” da una collettività di persone qualificate dall’appartenenza ad una comunità territoriale.

Constatato quindi l’uso pubblico della stessa, la posizione del Comune è configurabile in quella definita dalla sentenza n°7 del 4 gennaio 2010 della Cassazione: se un Comune consente “alla collettività l’utilizzazione, per pubblico transito, di un’area privata assume l’obbligo di accertarsi che la manutenzione dell’area e dei relativi manufatti non sia trascurata”.

Quindi, e questa è l’interpretazione di cui chiedo conferma, ogni eventuale danno a cose o persone cagionato dalla mancanza di manutenzione su via Lombardia avrà responsabilità civile a carico del Comune di Lodi Vecchio. È corretto?

Luigi Lacerenza

Lega Nord Lodi Vecchio