Home Lettere a Lodinotizie Lettere al Direttore – Lodi Vecchio. Indignazione per quanto accaduto in consiglio...

Lettere al Direttore – Lodi Vecchio. Indignazione per quanto accaduto in consiglio comunale

59
0

Buongiorno direttore, con la presente vorrei mettere a conoscenza dei tanti Vostri lettori la mia indignazione per quanto accaduto nell’ultimo consiglio comunale di Lodi Vecchio svoltosi il 09/11/2012.

Nel suddetto erano in discussione 6 punti all’ordine del giorno, per i primi 5 si è discusso serenamente e approvati passando quindi all’esposizione e discussione dell’ultimo punto presentato dal Consigliere Ambrogio Locatelli,un ordine del giorno firmato come consigliere senza simboli di partito che proponeva di sensibilizzare il governo Monti, al fine di intraprendere azioni di tutela nei confronti di cittadini ed imprese regolari a fronte della sanatoria sui lavoratori stranieri irregolari e clandestini.

Ribadisco “ IRREGOLARI E CLANDESTINI “.

Dopo la lettura del consigliere di minoranza e dopo gli interventi di alcuni consiglieri di maggioranza, si è accesa una forte discussione capitanata in primo luogo da un consigliere di maggioranza (che normalmente ed a prescindere, non perde occasione per attaccare in qualsiasi modo il consigliere Locatelli, il quale ha sempre dimostrato un comportamento educato, democratico e corretto in consiglio comunale). Ma quello che è più grave è stata l’arroganza del Presidente del Consiglio nonché Sindaco della città Giovanni Carlo Cordoni (in foto) che con termini e modi poco consoni a chi dovrebbe essere in primo luogo il giudice della situazione, alzando i toni intima al consigliere Locatelli di non PERMETTERSI mai più di fare affermazioni che disturberebbero la sua quiete, né in consiglio comunale, tanto meno sui mezzi di informazione, facendo riferimento ad un argomento inerente alle proposte del comitato “NO PGT” e dimenticandosi che l’articolo 21 della Costituzione Italiana, cita testualmente: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. Ma non solo, dopo l’intervento di un’altro consigliere di minoranza afferma:

“Il consigliere Locatelli, è andato a cercarsela……” sono esterrefatto per le espressioni usate sia dal Sindaco e anche dal consigliere Mancini (che già in passato si è scusato del suo comportamento in consiglio) il quale si è rivolto al pubblico presente dando del buffone a chi semplicemente assiste da spettatore alle riunioni di Consiglio Comunale e sorride dopo un’espressione non consona fatta all’interno di quello che dovrebbe essere in assoluto il luogo per antonomasia di democrazia partecipata.

Per coloro che avranno intenzione di ascoltare quanto accaduto, potranno farlo ascoltando la registrazione audio mp3 presente sul sito del comune a partire da 1 ora e 36 minuti circa.

Credo sarebbe stato sufficiente votare contro all’ordine del giorno oppure chiederne lo stralcio visto che, come detta dal Sindaco e dall’assessore Bersani, il termine ultimo di presentazione di eventuali proposte di modifica dell’articolo n. 5 del d.lgs. 109/2012. sarebbe stato il 15 ottobre scorso e quindi scaduto. 

Patruno Michele