Home Lettere a Lodinotizie Lettere al Direttore – Ecco perchè 44 sindaci fanno appello per votare...

Lettere al Direttore – Ecco perchè 44 sindaci fanno appello per votare due Sì

46
0

Il Comitato Lodigiano per “l’Acqua bene comune” esprime soddisfazione per l’ampia adesione raccolta tra i sindaci e i consiglieri regionali del territorio sui contenuti di un appello che abbiamo promosso nei giorni scorsi, nel quale i primi cittadini del Lodigiano invitano la cittadinanza a votare due SI domenica 12 e lunedì 13 giugno ai quesiti referendari sul tema dell’acqua.

Gli obiettivi che l’appello si propone sono tre:

– riaffermare l’unità  del territorio lodigiano, senza distinzioni di colorazione politica, nella gestione comune e partecipata del servizio idrico integrato: questo percorso virtuoso  che negli scorsi anni tutte le municipalità  hanno condiviso all’unanimità  costituendo la SAL (Società  Acqua Lodigiana) e affidandole la gestione del servizio sull’intero territorio provinciale – un patrimonio prezioso e irrinunciabile per il Lodigiano;

– riaffermare l’autonomia dei territori nelle decisioni che riguardano la gestione dei beni comuni di loro pertinenza, valorizzando le tradizioni di buona amministrazione, le competenze accumulate, la capacità di gestire i problemi del settore e di garantire, mantenendo tariffe competitive, un’alta qualità  del servizio idrico integrato – tutti elementi questi che rischiano di essere messi a repentaglio da una normativa nazionale che non considera le specificità  dei territori;

– aprire la strada a una partecipazione più diretta dei cittadini nella gestione dei beni comuni e nel controllo dei servizi pubblici di rilevanza locale.

Riteniamo anche importante, in prospettiva, da un lato notare come così tanti Sindaci si siano voluti spendere in prima persona a difesa della gestione pubblica dell’acqua, dando ai cittadini un’indicazione esplicita di voto, dall’altro registrare che anche tra chi non ha ritenuto di sottoscrivere direttamente l’appello si è espressa, nei pur brevi contatti da noi avuti in questi giorni, una convinta volontà  di continuare sulla strada intrapresa con successo nel Lodigiano con la costituzione di una società a totale capitale pubblico.

Di seguito il testo dell’appello e l’elenco dei sindaci firmatari.

per il Comitato Lodigiano per l’acqua bene comune

Alberto Buonvento – Ercole Ongaro

Appello ai cittadini – Noi, Sindaci e amministratori pubblici del Lodigiano, invitiamo i cittadini a partecipare al voto in occasione del referendum di domenica 12 e lunedì 13 giugno, votando SI ai due quesiti che riguardano la gestione dell’acqua.

Con questo voto il territorio ha la possibilità  di confermare il percorso e le scelte che negli scorsi anni hanno portato tutti i Comuni della Provincia di Lodi, all’unanimità  e senza distinzioni tra forze politiche, a decidere di mantenere completamente pubblica la gestione del servizio idrico integrato.

A questo scopo è stata costituita la SAL – Società  Acqua Lodigiana, una nuova società partecipata da tutti i Comuni, che oggi è l’unico gestore del servizio idrico nel nostro territorio e che ha la capacità , le competenze tecniche e le risorse per garantire un servizio di qualità a tutti i cittadini, programmando gli investimenti necessari per la manutenzione e il miglioramento della rete idrica e mantenendo la tariffa a livelli tra i più bassi in Italia.

Con due SI possiamo dare forza e continuità  a questa scelta, garantendo ai nostri Comuni di poter continuare a gestire direttamente una risorsa importante e strategica come l’acqua.

I nostri cittadini avranno così la possibilità  di esercitare un controllo diretto sull’operato di SAL e dei suoi amministratori, anche attraverso nuove forme di gestione partecipata.

Lodi, 9 giugno 2011

Elenco delle adesioni:

– Claudio Bariselli, Sindaco di Marudo

– Piero Luigi Bianchi, Sindaco di Caselle Landi

– Verusca Bonvini, Sindaco di Bertonico

– Giorgio Bozzini, Sindaco di Valera Fratta

– Giuseppe Bragalini, Sindaco di Cornovecchio

– Pierluigi Cappelletti, Sindaco di Orio Litta

– Vincenzo Ceretti, Sindaco di Codogno

– Umberto Ciampetti, Sindaco di Turano Lodigiano

– Renzo Clerici, Sindaco di Camairago

– Giancarlo Cordoni, Sindaco di Lodi Vecchio e Presidente dell’Associazione Comuni del Lodigiano

– Domenico Crespi, Sindaco di Santâ•˙Angelo Lodigiano

– Adriano Cucchi, Sindaco Abbadia Cerreto

– Sergio Curti, Sindaco di Cavenago d’Adda

– Umberto Daccò, Sindaco di Castiglione d’Adda

-Paolo Della Maggiore, Sindaco di Zelo Buon Persico

– Giovanni Fazzi, Sindaco di Merlino

– Luca Ferrari, Sindaco di Montanaso Lombardo

– Stefano Giannini, Sindaco di Galgagnano

– Piero Giovannetti, Sindaco di Maccastorna

– Ettore Grecchi, Sindaco di Livraga

– Abele Guerini, Sindaco di Mulazzano

– Lorenzo Guerini, Sindaco di Lodi

– Fabrizio Lucchini, Sindaco di Castelnuovo Bocca d’Adda

– Giorgio Marazzina, Sindaco di Casaletto Lodigiano

– Stefania Marcolin, Sindaco di Salerano sul Lambro

– Antonio Mariani, Sindaco di San Fiorano

– Luca Marini, Sindaco di San Martino in Strada

– Pier Giuseppe Medaglia, Sindaco di Somaglia

– Anna Maria Ogliari, Sindaco di Crespiatica

– Moreno Oldani, Sindaco di Villanova del Sillaro

– Domenico Papagni, Sindaco di Massalengo

– Francesco Premoli, Sindaco di Senna Lodigiana

– Sergio Rancati, Sindaco di Caselle Lurani – Presidente del Consorzio Lodigiano Servizi alla Persona

– Giuseppe Ravera, Sindaco di San Rocco al Porto

– Franco Rossi, Sindaco di Borghetto Lodigiano

– Paola Rusconi, Sindaco di Pieve Fissiraga

– Giuseppe Russo, Sindaco di Tavazzano con Villavesco

– Daniele Saltarelli, Sindaco di Cavacurta

– Pietro Segalini, Sindaco di Casalmaiocco

– Giuseppe Sozzi, Sindaco di Brembio – Componente del dipartimento piccoli comuni di ANCI Lombardia

– Emanuele Stefanoni, Sindaco di Meleti

– Angelo Taravella, Sindaco di Ossago Lodigiano

– Davide Tei, Sindaco di Mairago

– Maria Grazia Tondini Rossi, Sindaco di Guardamiglio

– Giulio Cavalli, Consigliere Regionale

– Fabrizio Santantonio, Consigliere Regionale