Home Primo Piano L’Amatori sbanca il Capannino e vola ai quarti di Coppa CERS

L’Amatori sbanca il Capannino e vola ai quarti di Coppa CERS

89
0

Amatori-coppa-cers-esultanza-lodi-notizieL’impresa dell’Amatori Wasken è racchiusa nello scatto di Roberta Mirabile: un grande abbraccio tra i giocatori del Lodi ed il suo pubblico, che festeggia la vittoria sul Follonica e l’accesso nei quarti di Coppa CERS. Una gioia giustificata, perché vincere al Capannino è un’impresa che compete solo a grandi squadre, ed è stata ottenuta contro una formazione organizzata, ben messa in pista e con grande carattere come quella di Polverini.

Nessuna sorpresa

Lo sapeva perfettamente il Lodi, che vince con un risicato 4-2, spezzando un equilibrio durato quattro partite e 200 minuti di battaglia vera. E se nel primo match di campionato i giallorossi si sono fatti rimontare pagando lo scotto del debutto, nella seconda gara hanno subito la tattica ultra difensivistica imposta da Polverini. Ma il lavoro di De Rinaldis non è stato invano e così sia nella terza, che nella quarta sfida diretta, i giallorossi hanno dimostrato di possedere una maggiore qualità complessiva.

Equilibrio spezzato nel finale

Il tecnico lodigiano, da buon stratega, aveva previsto tutto: un primo tempo guardingo senza forzare, restando in attesa di una variazione di ritmo dei maremmani, cercando di colpire con transizioni veloci e contropiedi. E la mossa di questa infinita partita a scacchi è risultata vincente.

Nei primi 8’ non accade nulla, poi Rodriguez alla prima vera occasione buca Català. Un vantaggio che dura pochi secondi, con Ambrosio che firma l’immediato 1-1, siglando quella che risulterà la rete decisiva in termini di morale, sicurezza e convinzione.

Il primo tempo si chiude così e nella ripresa l’equilibrio si spezza al decimo, quando De Rinaldis, appena entrato in luogo di Platero, si catapulta su una pallina vagante e firma il vantaggio lodigiano. I padroni di casa hanno una reazione veemente: Marinho (come sempre pericoloso in zona offensiva) prima colpisce un palo, poi si fa neutralizzare da Català il tiro diretto per il decimo fallo. La crescita dei giallorossi passa anche attraverso la prestazione di assoluta sicurezza fornita dall’estremo difensore di Reus, che palesa maturità assoluta poco dopo, quando stoppa una conclusione a botta sicura di Rodriguez.

Ambrosio…game, set and match

Ma i lodigiani sono cinici e capitan Illuzzi insacca la rete dell’1-3, infierendo un colpo che i maremmani assorbono e al quale controbattono 60 secondi più tardi, con una deviazione di Marinho: per il bomber Mozambicano si tratta del gol numero 8 rifilato al Lodi.

Il cronometro come sempre corre troppo per chi è sotto, mentre appare infangato per la squadra che conduce. La tensione va alle stelle e i toscani commettono il decimo fallo: sul dischetto ci va lo specialista Ambrosio, la cui precisa esecuzione vale il 2-4, chiudendo game, set and match in favore del Lodi. Il capolavoro è fatto ed ora sulla sua strada dei giallorossi si prospetta un’affascinante quarto di finale con andata il 6 febbraio in Portogallo, contro un’ottima squadra e un personaggio unico: il Barçelos di Reinaldo Ventura.