Home Cronaca Hockey seria A. L’Amatori senza Belli gioca la più brutta gara dell’anno

Hockey seria A. L’Amatori senza Belli gioca la più brutta gara dell’anno

64
0
Davide Motaran, una tripletta contro l’Amatori (foto Baldi)

I bianconeri rimaneggiati dall’assenza per squalifica di A.Bertolucci devono gestire al meglio le energie per poter reggere tutta la partita a buon livello e partono col quintetto base formato da Barozzi, Motaran, Montigel, Montivero e M.Bertolucci a cui risponde il Lodi con M.Dal Monte, Illuzzi, Platero, De Rinaldis e Brusa.

Un diagonale potente di Motaran impegna M.Dal Monte poi è il Lodi a rendersi protagonista prima con Brusa che ruba palla e si presenta da solo davanti a Barozzi che gli nega la rete e poi con la rete del vantaggio di De Rinaldis che riceve al limite dell’area da Illuzzi e batte Barozzi con un preciso rasoterra al 4’30”.

Il Centro reagisce subito con un diagonale di Montivero che colpisce il palo poi una conclusione da fuori di Brusa è alzata sopra la traversa da Barozzi.

Al 12’45” è il capitano bianconero Motaran a pareggiare i conti con un diagonale potente sotto l’incrocio opposto che non lascia scampo al portiere ospite e al 13’59” i bianconeri ribaltano il risultato con M.Bertolucci che batte una punizione scambiando in velocità con Montigel mettendo alle spalle di M.Dal Monte con un rasoterra sottoporta.

I bianconeri si portano sul 3-1 al 17’41” con un altro diagonale potente di Motaran quasi fotocopia del precedente e poi colpiscono l’incrocio dei pali con Montivero ben servito da un passaggio filtrante di Montigel.

Al 19’38” blu a F.Dal Monte e tiro di prima per il Centro parato da M.Dal Monte a M.Bertolucci ma nel periodo di powerplay i bianconeri trovano il gol del 4-1 con Montigel che mette in rete un assist di M.Bertolucci al 21’07”.

Passano pochi secondi però e il Lodi si rimette in partita con una girata in area di De Rinaldis che batte Barozzi per il 4-2 al 21’37”, risultato su cui si chiude il primo tempo.

L’inizio ripresa vede il Lodi più pericoloso e il Cgc un po’ fiacco, ne nascono così le occasioni di De Rinaldis che arriva solo davanti a Barozzi che para e di Curti che conclude debole da buona posizione ben liberato da Illuzzi agevolando così l’intervento del portiere bianconero.

Ancora Barozzi tiene al sicuro il risultato con le parate su una conclusione di Illuzzi deviata al volo da De Rinaldis, su un tiro ravvicinato di Platero e su un diagonale potente di Illuzzi poi il Centro torna a rendersi pericoloso con un diagonale in area di Montivero parato da M.Dal Monte.

Al 9’49” una botta da centropista di Motaran sorvola la traversa rimbalzando nella rete protettiva e tornando davanti alla porta dove Montivero è lestissimo a mettere alle spalle di M.Dal Monte sorpreso dalla dinamica dell’azione.

Il Lodi potrebbe riavvicinarsi al 10’56” quando viene concesso ai giallorossi un rigore che però Barozzi para a Illuzzi poi De Rinaldis libera bene al tiro Illuzzi che batte di prima intenzione trovando la bella risposta di Barozzi.

Montivero impegna M.Dal Monte con un diagonale accompagnato poi una botta di Motaran colpisce la traversa ma il gol è solo rimandato al 13’06” quando Montigel trasforma con freddezza un rigore concesso per fallo di pattino in area.

Da qui in poi si vede quasi esclusivamente il Cgc che prima impegna M.Dal Monte con un diagonale potente di Motaran poi al 14’20” può usufruire del tiro di prima del decimo fallo che però Montivero si fa neutralizzare dal portiere giallorosso.

Nel Cgc entra nella rotazione anche D’Anna che entra subito molto bene in partita servendo in contropiede la palla del 7-2 a Motaran che davanti alla porta batte l’incolpevole M.Dal Monte al 17’34”.

Dopo un diagonale a una mano di F.Dal Monte parato da Barozzi si annotano le ultime due reti del Cgc prima con un diagonale in corsa di Montigel sotto l’incrocio opposto(22’35”) poi con M.Bertolucci che ruba palla al limite dell’area e batte M.Dal Monte con un diagonale di precisione(24’23”).

La gara si chiude così sul 9-2 per il Cgc che fa sembrare forse più semplice di quel che è stata in realtà questa partita in cui comunque i bianconeri sono sempre sembrati gestire come volevano  la gara.

Andrea Bianchi