Home Territorio Lodigiano Hockey. Ecco i primi acquisti giallorossi :Brusa e De Rinaldis

Hockey. Ecco i primi acquisti giallorossi :Brusa e De Rinaldis

157
0

amatori pubblico coppa italia

Sono Matteo Brusa da Novara e Francesco De Rinaldis da Sarzana i primi due acquisti dell’Amatori Lodi targato Citterio-Gazzola.

Due nomi giovani, due ragazzi seri e soprattutto entusiasti della nuova esperienza. Sia Brusa che De Rinaldis vedono Lodi come un punto di arrivo per la loro carriera, dopo una maturazione costante avvenuta a Novara e Sarzana. Entrambi sono attaccanti veloci e vengono considerati tra i giovani emergenti, ma attenzione a non confondere la prospettiva con l’attualità. L’ex novarese ha 24 anni, mentre il ligure uno in più. Sono quindi nel pieno della loro maturazione atletica e vengono a Lodi con la consapevolezza di vestire una maglia gloriosa in un progetto di rilancio.

Il neo tecnico Aldo Belli riparte quindi con cinque italiani (Illuzzi, Motaran, Brusa e De Rinaldis, oltre a Curti) e si prepara a confezionare altri due colpi, questa volta giovani: si tratta dei fratelli Dal Monte, rispettivamente difensore e portiere in forza a Thiene e Trissino. Due scommesse reali, anche perché, ricordiamo, il budget a disposizione non può permettere follie. Eppure alcuni colpi di grido sono sfumati per poco. L’idea iniziale era quella di affiancare ad un gruppo giovane dei grandi giocatori: giocoforza ottenuto il “no” dai fratelli Bertolucci, si provato con il mercato spagnolo e solo per un soffio è sfumato l’affare Xavi Caldù:il catalano che appena un anno fa trascinò il Reus ad una semifinale di Eurolega si sarebbe così affiancato ad un gruppo di italiani veramente valido.

Restano comunque aperte le porte agli stranieri, che probabilmente non saranno tre; il mercato in Spagna viene fatto a maggio e questo comporta una notevole difficoltà nel pescare nuovi giocatori iberici. Si cercherà probabilmente in Argentina ed i nomi sul taccuino della nuova coppia dirigenziale suscitano davvero molto interesse.

L’Amatori nuovo corso appare quindi meno “tecnico” rispetto al passato, ma decisamente più da corsa. A Lodi un posto come outsider pare già un lusso, visto che le prospettiva potevano assai più nere, come una ripartenza dalla B.