Home Cronaca Guida in stato di ebrezza. Continuano i controlli dei Carabinieri: altri 5...

Guida in stato di ebrezza. Continuano i controlli dei Carabinieri: altri 5 denunciati

783
0

Nelle giornate del 18 e 19 gennaio i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Lodi in collaborazione con i carabinieri di Tavazzano, nell’ambito di una oramai avviata sistematica attività di controllo “Alto Impatto”, pianificato ed organizzato sul territorio della Compagni di Lodi nell’intento di scoraggiare i giovani a mettersi alla guida dei mezzi, dopo aver assunto alcolici o stupefacenti, per poter arginare il preoccupante e purtroppo presente fenomeno delle “STRAGI DEL SABATO SERA”, hanno svolto una serie di controlli alla circolazione stradale.

Il bilancio porta a constatare di come la questione sia molto poco sentita dagli utenti della strada, in quanto le patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza sono state ben 5.

Questa volta gli autisti indisciplinati sono stati 4 italiani – di cui una donna – ed uno straniero, riscontrati con un tasso alcolico oscillante da un minino di 1.40 a un massimo di 1.79 G/L., vale a dire, quasi quattro volte superiore al limite di legge di 0.5.

I vari soggetti coinvolti nel controllo sono ancora una volta tutti residenti a Lodi e provincia ed hanno un età dai 29 ai 45 anni (un 29enne, un 37enne, un 40enne, un 42enne ed un 45enne), nessun neo patentato, indice del fatto che la sottovalutazione appartiene alla categoria di conducenti più sicuri delle proprie capacità, nonostante l’assunzione di alcool.

In due casi i conducenti sanzionati, circolavano sprovvisti della patente di guida, perché in entrambe le occasioni il documento era stato revocato per via di analoghe mancanze commesse in passato, motivo per il quale i due sono stati sanzionati anche per guida senza patente.

Per gli altri è scattato il ritiro immediato del documento, mentre le rispettive autovetture sono state affidate a persone idonee alla guida.

I controlli continueranno con insistenza, nella volontà di portare gli automobilisti a comprendere la gravità della guida dopo aver assunto stupefacenti ed alcool, affinché possa aumentare la consapevolezza dei rischi e responsabilità penali ed amministrative connessi con la guida alterata da sostanze psicotrope o inebrianti.

Nel complesso, i controlli hanno consentito di ispezionare 15 autovetture e di sottoporre a etilometro i rispettivi conducenti, di identificare 37 persone.