Home Cronaca Guardamiglio. In auto con 160.000 euro cash

Guardamiglio. In auto con 160.000 euro cash

136
0

auto-soldi-carabinieriAlcuni giorni fa, si è svolto un intervento che ha visto una pregevole collaborazione fra militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Attivati da una segnalazione di un cittadino, una pattuglia dei Carabinieri della Compagnia di Codogno è intervenuta nei dintorni del casello autostradale di Guardamiglio per controllare alcune autovetture sospette. I militari dell’Arma hanno sottoposto a controlli di polizia tutti gli occupanti, cittadini di origine tedesca, rumena e sammarinese, ed hanno scoperto su una delle autovetture, con targa tedesca, un ingente quantitativo di banconote e monete.

E’ stato, quindi, richiesto l’intervento del personale della Tenenza della Guardia di Finanza di Casalpusterlengo, che ha proceduto ai controlli valutari di competenza. E’ stata dapprima conteggiata la somma rinvenuta, operazione non di immediato riscontro, visto che oltre 100.000 euro erano in monete, anche di piccolo taglio, aventi pieno corso legale.

La maggior parte della somma è risultata nella disponibilità di un cittadino tedesco che, pur avendo dichiarato di essere giunto in Italia da altro paese europeo con al seguito il denaro rinvenuto, non è stato in grado di fornire la prevista dichiarazione transfrontaliera di valuta.

La dichiarazione valutaria, da presentare presso la Dogana di confine, è obbligatoria per  chiunque entri o esca dal territorio nazionale con denaro contante e titoli di importo pari o superiore a 10.000 euro.

I finanzieri hanno perciò sottoposto a sequestro nei confronti del soggetto tedesco, banconote e monete in contanti per circa € 70.000, corrispondenti al 50% della somma trovata nella sua disponibilità, a garanzia della sanzione amministrativa prevista, che va dal 30% al 50% della somma illecitamente importata.

Un’altra sanzione è stata comminata ad una cittadina rumena, per il possesso di una più contenuta somma oltre i limiti consentiti, con facoltà di estinguere la violazione mediante oblazione.

I proventi contestati e sequestrati confluiranno nel cosiddetto “F.U.G. – Fondo Unico Giustizia. Sono tuttora in corso indagini finalizzate ad approfondire ulteriormente l’intera vicenda.