Home Cronaca Furgoni incendiati alla TNT, arrestati tre pregiudicati

Furgoni incendiati alla TNT, arrestati tre pregiudicati

190
0

Nelle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Lodi hanno dato esecuzione a 3 misure cautelari a carico di a carico di L.L. classe 1964 originario di Cerignola (FG) e residente a Segrate (MI), S.G. classe 1966, originario di Villafranca Tirrena (ME) e residente a Cologno Monzese, e P.M. classe 1975 (organizzatore e intermediario del reato), originario di Cernusco sul Naviglio e residente a Cologno Monzese, tutti pregiudicati. I tre nella notte del 24 agosto 2018 si sono resi responsabili dell’incendio, stando alle indagini ancora in corso si tratterebbe di un “lavoro” su commissione, di 6 furgoni di una ditta in subappalto che si trovavano parcheggiati all’interno del magazzino della società TNT Express di San Martino in Strada.

Dalle indagini è emerso che L.L. e S.G., dopo aver rubato un veicolo nel Milanese, si sono recati, la sera del 23 agosto a San Martino in Strada, dove poco dopo la mezzanotte, tagliando la recinzione esterna, si sono introdotti all’interno dell’area magazzino della società dando alle fiamme 6 furgoni parcheggiati nell’area della logistica. Nel frattempo i militari, ancora ignari del reato in corso, avevano trovato e sequestrato la vettura rubata, in un parcheggio poco distante dalla logistica. Quando i due malfattori si sono accorti della presenza dei carabinieri hanno avvertito l’organizzatore che è poi venuto a recuperarli.

Grazie alle telecamere della ditta e quelle dei comuni e della provincia, nonché ad altre attività tecniche come il rilevamento delle impronte a bordo del veicolo rubato, compatibili con quelle dei soggetti arrestati, i militari hanno incastrato il trio. Inoltre nel corso delle perquisizioni sono stati trovati e sottoposti a sequestro alcuni capi di abbigliamento assolutamente compatibili con quelli indossati dagli autori dell’incendio ripresi dalle telecamere di videosorveglianza.

Il danno stimato per l’incendio dei sei veicoli è di circa 150 mila euro totali. I carabinieri indagano per scoprire il movente e chi avrebbe commissionato il rogo che probabilmente sarebbe nell’ambito della logistica (la TNT è estranea ai fatti).