Home Territorio Lodigiano Fratelli d’Italia, prosegue la raccolta firme contro lo “Ius Soli”

Fratelli d’Italia, prosegue la raccolta firme contro lo “Ius Soli”

360
0

Domenica mattina continua la raccolta firme contro la legge Boldrini.

La nuova legge “Ius Culturae” prevede una riforma delle modalità di acquisizione della cittadinanza, attualmente regolata da una legge che si basa esclusivamente sul principio dello “ius sanguinis”. 

La proposta di legge prevede diverse possibilità per l’acquisizione della cittadinanza, se un bambino nasce da un immigrato che vive in Italia da un anno ha diritto alla cittadinanza, se un immigrato maggiorenne è qui da 5 anni ha diritto alla cittadinanza e se quell’immigrato è un rifugiato, dopo 3 anni ha diritto alla cittadinanza. «Una proposta di legge troppo importante per essere promossa da un governo che non rispecchia la volontà degli italiani» afferma il coordinatore provinciale Gianmario Invernizzi.

La prima tranche di raccolta di firme ha avuto luogo domenica scorsa in Piazza a Lodi ed ha riscosso un ottimo successo, la forte adesione dei cittadini alla petizione contro lo “Ius Soli” ha spinto il coordinamento provinciale ad allargare l’iniziativa anche ad altri due comuni della provincia di Lodi, Sant’Angelo Lodigiano ( Piazza Caduti) e Codogno (Piazza XX Settembre), tutti e tre dalle 9.30 alle 12.30, dove sempre domenica 13 ottobre saranno organizzati dei punti di informazione e di raccolta firme.

Giorgia Meloni ha definito nei giorni scorsi «il tentativo vergognoso di un governo abusivo di dare la cittadinanza automatica agli immigrati». «Un esecutivo che, ha ribadito sempre la leader di Fratelli d’Italia, invece di farsi perdonare il fatto di essere in carica a dispetto di voto e mandato degli elettori. Ben sapendo di essere su posizioni che in materia non rispecchiano quelle della maggioranza degli italiani, molto banalmente se ne frega». 

«Per questo motivo Fratelli d’Italia a Lodi come nel resto d’Italia si impegnerà con ogni mezzo possibile per contrastare questa proposta di legge, che non rispecchia minimamente la volontà della maggioranza degli elettori italiani» commenta Gianmario Invernizzi.

Fratelli d’Italia – Provincia di Lodi