Cronaca

(FOTOGALLERY) – Hotel Rigopiano si scava in profondità per raggiungere le parti più interne

Sono rientrate, dopo cinque giorni, le prime squadre di tecnici del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) e altre sono partite oggi, martedì 24 gennaio 2017, aggiungendosi a tutti i soccorritori coordinati dal Dipartimento di Protezione Civile, impegnati nelle aree dell’emergenza. All’Hotel Rigopiano si scava in profondità per raggiungere le parti più interne della struttura: le squadre del CNSAS utilizzano sonde e rilevatori nell’area in cui sono state trovate le auto. Con altri mezzi, benne e pale meccaniche, si tracciano linee di scavo più rapide. È a disposizione anche una sonda a vapore, impiegata di solito nell’esplorazione profonda di crepacci alpini. Il CNSAS è presente anche per garantire la sicurezza nello scenario delle operazioni: in questi giorni il rischio di valanghe ha raggiunto il livello 4, solo un grado al di sotto del limite massimo. La situazione è comunque monitorata costantemente e tutti i soccorritori presenti sono dotati di apparecchi di ricerca in valanga Artva.

Hotel Rigopiano

«Abbiamo trovato una condizione molto difficile, con tante frazioni isolate, anche a notevole distanza dal centro principale, abitate per lo più da persone anziane“, sottolinea il Presidente del CNSAS Lombardo, Damiano Carrara, rientrato oggi da Montorio al Vomano (TE). “Comunicazioni estremamente difficili anche con le radio, che hanno reso particolarmente impegnativo coordinare i movimenti delle squadre sul territorio. Squadre costrette a muoversi con sci e ciaspole in oltre due metri di neve fresca in un’area a rischio valanghe. Con il prezioso supporto di quad cingolati e delle motoslitte messe a disposizione dalla FMI (Federazione motociclistica italiana), siamo comunque riusciti a raggiungere e rifornire di viveri, carburante e medicinali tutte le famiglie che non hanno voluto lasciare la loro casa e a portare a valle quanti dovevano essere evacuati: il loro sorriso ci ha ripagato di ogni fatica».

Hotel Rigopiano

«Una situazione devastante, con una serie di complicanze da tempesta perfetta – ribadisce Gianni Gamba, vice Delegato della VI Orobica e Coordinatore di ricerca – ma la caparbietà e la tenacia dei soccorritori, sotto la pioggia, la neve e con il freddo, hanno permesso di lavorare senza sosta tra numerose avversità. I tecnici del CNSAS hanno messo a disposizione anche le loro competenze personali e professionali, abbiamo al nostro interno ingegneri, architetti, medici e molte altre figure che si sono rivelate di grande aiuto. La collaborazione con le altre forze è stata impeccabile».

Hotel Rigopiano

Il terzo gruppo, composto da cinque squadre di tecnici appartenenti alle Delegazioni regionali, V Bresciana, VI Orobica, VII Valtellina – Valchiavenna, XIX Lariana, IX Speleologica, raggiungerà il COC (Centro operativo comunale) di Penne (TE) domani mattina.


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);