Home Appuntamenti Extrema in concerto all’ex linificio

Extrema in concerto all’ex linificio

237
0

Grande concerto all’ex linificio di Lodi, il 4 di dicembre. Sono passati venticinque anni e gli Extrema decidono di tornare a suonare nello stesso posto dello storico concerto in cui all’inizio della loro carriera, con la loro potenza,  hanno fatto sognare i lodigiani. Di Supporto non potevano mancare i Bid Zogo, prima fan, poi amici e compagni di palchi degli Extrema, gli Zogo con il loro muro di suono capace di sorprendervi, saranno sicuramente l’ottima apertura per scaldare il pubblico prima dell’atteso ritorno. Se siete abituati a giudicare un libro dalla copertina prendetevi il tempo per dare uno sguardo alle prime pagine di questo racconto a base di metal estremo. E quando i Bid Zogo vi avranno catturato con le loro storie popolate di zombie e creature dannate allora siete pronti per i loro live: la band dal vivo spazzerà via ogni dubbio, la potenza e la rabbia vi entreranno nelle viscere per sconvolgervi. Potremmo parlare di nu metal o di cross over, di rock contaminato con l’hard core. Ma il succo della formula Bid Zogo rimane uno solo: tanta energia. Nella carica del loro metal brucia la fiamma dell’odio di chi è pronto a mettere in gioco se stesso, contro le costrizioni e le sottomissioni che imbrigliano l’animo umano. Un odio talvolta esplicito, talvolta rappresentato sotto forma di creature oniriche e mostruose, immagini che raccontano gli incubi dell’animo umano, pensieri che spaventano nella notte buia passando attraverso le porte del subconscio, rabbia che nasce di giorno, alla luce del sole, che illumina con i suoi raggi una società da rifiutare. Il tutto senza tralasciare i dettagli e lo stile: vestiti neri e sguardi arrabbiati, un’ottima presenza e intesa sul palco. Rabbia ed energia che animano dall’inizio alla fine il nuovo lavoro – il secondo – della band: NIGHTMARE INC. Nove brani più tracce live e molte collaborazioni che hanno stimolato i Bid Zogo ad aprirsi verso contaminazioni ed atmosfere più estese rispetto al precedente capitolo “Under the cold ground”.