Home Cronaca Evade dai domiciliari, ruba un’auto e torna dalla moglie che maltrattava. Arrestato...

Evade dai domiciliari, ruba un’auto e torna dalla moglie che maltrattava. Arrestato di nuovo

383
0

I Carabinieri di Lodi Vecchio hanno arrestato nella flagranza di reato di evasione dagli arresti domiciliari e furto aggravato D.D. 38enne italiano, residente a Sesto San Giovanni, ristretto agli arresti domiciliari a Casaletto Lodigiano presso l’abitazione dei genitori, con numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e la famiglia.

I Carabinieri, nell’ambito dei controlli svolti nei confronti delle persone ristrette alle misure alternative alla detenzione, venerdì mattina si sono portati a controllare anche D.D., arrivato due giorni prima perché presso la residenza aveva maltrattato la propria consorte in presenza dei figli minori. Al momento del controllo i militari hanno scoperto che l’uomo era poco prima scappato.

Approfondendo le verifiche si è anche constatato che l’arrestato, aveva rubato l’auto della sorella non convivente, che era uscita per fare la spesa per gli anziani, uscendo incurante delle stringenti disposizioni dei vari decreti del presidente del consiglio dei ministri, della sospensione della patente di guida dal 2016 per guida in stato d’ebbrezza e della misura cautelare in atto. L’attività di ricerche è stata immediatamente diramata a tutte le forze dell’ordine, ma soprattutto ai Carabinieri di Sesto San Giovanni, che il 14 marzo avevano arrestato il fuggiasco in flagranza di maltrattamenti in famiglia ai danni della moglie alla presenza dei figli minori, e lo stesso dopo quattro giorni di carcere, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in parola.

I Carabinieri di Sesto erano fra l’altro stati già avvistati, per ben due volte, dalla moglie spaventata del trentottenne, il quale in altrettante occasioni aveva tentato di entrare in casa della donna, incutendo a lei e ai figli minori (chiusi a chiave precauzionalmente dalla madre in una stanza) paura ed ansia. La seconda volta è anche stato intercettato dai carabinieri di quella Stazione, ma per fuggire ha posto in essere una serie di manovre azzardate e pericolose per gli inseguitori e gli altri utenti della strada, riuscendo a far perdere le proprie tracce.

Le ulteriori ricerche, coordinate in sinergia dalle centrali operative di Lodi e di Sesto San Giovanni, però hanno consentito di rintracciare ed arrestare il soggetto alle ore 12.00 a Casaletto Lodigiano, quando è stato rintracciato a bordo dell’autovettura rubata.

Per questi fatti lo stesso è stato dichiarato in arresto, trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando Provinciale di Lodi, ed il giorno seguente, per la prima volta nel circondario di Lodi, l’udienza di convalida si è svolta, in ossequio alle previsioni normative dei decreti della presidenza del consiglio dei ministri in video conferenza fra i magistrati del Tribunale, della Procura della Repubblica e Comando Provinciale dei Carabinieri, dove sono intervenuti e sono stati ascoltati il difensore, l’arrestato e gli operanti.

L’operato dei carabinieri è stato convalidato e per l’evasione e il furto al soggetto è stata comminato l’obbligo di dimora a Casaletto Lodigiano, comunque ristretto nuovamente agli arresti domiciliari in forza del provvedimento già in essere.