Cronaca

Espulso dall’Italia, denuncia il furto del passaporto

I Carabinieri di Tavazzano, nell’ambito dei controlli al territorio hanno denunciato in stato di libertà per simulazione di reato, falsa dichiarazione a pubblico ufficiale e inosservanza dell’ordine di abbandonare lo stato italiano H.S. ivoriano di 30anni, domiciliato a Lodi, con precedenti di polizia.

Lo straniero in questi giorni si è presentato presso gli Uffici della Stazione Carabinieri di Tavazzano denunciando che ignoti con destrezza, gli avevano rubato il borsello, al cui interno vi era fra le altre cose anche il suo passaporto, mentre si trovava alla Stazione centrale di Milano.

Le immediate verifiche svolte dai militari però, hanno permesso di raccogliere inequivocabili elementi di reità nei confronti del denunciante: il passaporto, in realtà era stato ritirato il 27 aprile, dall’ufficio immigrazione della Questura di Lodi, in occasione della notifica del provvedimento di espulsione emesso quello stesso giorno dal Prefetto. Il denunciante però non si era presentato il giorno previsto per l’esecuzione dell’espulsione coatta, rendendosi di fatto irreperibile.

Dopo qualche mese, convinto di poter passare inosservato e verosimilmente con l’intenzione di richiedere un duplicato al consolato di appartenenza del documento indispensabile per espatriare, ne ha denunciato falsamente il furto. Lo stesso dopo il suo deferimento in stato di libertà è stato accompagnato al citato ufficio immigrazione per le pratiche inerenti.

 


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);